sabato 31 dicembre 2011

L'EDUCAZIONE DELLE FANCIULLE di Luciana Littizzetto e Franca Valeri

COMMENTO: Poco convincete questo confronto tra due generazioni diverse sull'educazione delle giovani donne. La voce della Valeri è quasi assente e spesso poco efficace mentre la Littizzetto è meno pungente del solito!

TRAMA: Dalle lasagne surgelate alla letteratura, dal sesso all’economia domestica, dal lavoro ai consigli di bellezza alla maternità, questo irresistibile duetto letterario mette insieme ricordi, illusioni e delusioni, equivoci, sogni, ma anche luoghi comuni da sfatare o da reinterpretare (perché a volte dietro i cliché più inverosimili si nascondono insospettabili verità), attraversando le età di una donna, dall’infanzia alla vecchiaia, e quelle di un Paese, dagli anni Trenta a oggi (e immaginando, perché no, anche un futuro).

giovedì 29 dicembre 2011

E.T. L'EXTRATERRESTRE di Steven Spielberg

COMMENTO: Lo ammetto, non avevo mai visto prima E.T. e quindi "tappando la falla" mi sono finalmente deciso a guardarlo e ne sono rimasto affascinato. Il film è datato (e si vede) ma non ha assolutamente perso un grammo del suo valore: una perfetta favola moderna, adatta ai bambini ma anche ai grandi. E' qualcosa di magnifico vedere, in un'epoca fatta di film per bambini troppo da adulti un film che riesce ad essere speciale, non volgare, divertente e anche toccante ancora oggi dopo 20 anni. Un inchino a mastro Spielberg! Voto: 8

CAST: Dee Wallace, Henry Thomas, Peter Coyote, Robert MacNaughton, Drew Barrymore, K.C. Martel, Sean Frye, C. Thomas Howell, Erika Eleniak

TRAMA: Un alieno dimenticato sulla Terra viene ritrovato da un bambino, Elliot, che se lo porta a casa. Con la complicità del fratello più grande e della sorellina Gertie, Elliot riesce a tenere nascosto agli adulti E.T. e, a poco a poco, tra i due sboccia una tenera amicizia che culmina nella costruzione di un marchingegno per lanciare un S.O.S. spaziale ai compagni affinché lo vengano a riprendere. Alla fine, dopo una lunga serie di peripezie che vedono la morte e la resurrezione dell'alieno, un lungo inseguimento culminante in un volo di biciclette, Elliot e i suoi amici riusciranno a portare E.T. all'appuntamento con l'astronave che lo riporterà a casa.

CITAZIONE: "E.T. Telefono... casa..."

TAGLINE: He is afraid. He is totally alone. He is 3 million light years from home.

PHANTOMS! di Dean Koontz (RILETTURA)

COMMENTO: Un romanzo horror denso e bello teso, avvincente con buoni personaggi e una narrazione che toglie il respiro!

TRAMA: Nella cittadina di Snowfield, in Colorado, la popolazione è stata sterminata da una forza oscura e malefica. Settecento persone sono scomparse, di loro non è rimasta neanche la più piccola traccia. I sopravvissuti si contano sulle dita di una mano: quattro disperati che si fanno forza per affrontare il nemico oscuro. Sono due sorelle, lo sceriffo della città e e il suo vice; a loro si unisce un professore esperto in epidemie antiche costretto dalle autorità ad indagare sulla misteriosa strage. La minaccia non esita a manifestarsi...

domenica 25 dicembre 2011

GENERAZIONE X di Douglas Coupland (RILETTURA)

COMMENTO: La famosa generazione X è nata da questo libro... Coupland ha anticipato i tempi grazie ad un romanzo che mostra l'insoddifazione di un gruppo di ragazzi che non sanno bene cosa fare della propria vita e privi di un vero e prorpio ottimismo. Davvero magistrale la narrazione con un Coupland, un autore geniale e dallo stile unico, particolarmente in forma

TRAMA: La fuga verso l'ignoto di tre amici delusi dalla civiltà tecnologica, alla ricerca di cambiamenti drastici che diano un significato alla vita.

sabato 24 dicembre 2011

venerdì 23 dicembre 2011

BUONE FESTE!!!

E anche quest'anno siamo arrivati al Natale. Finalmente posso entrare in ferie e rilassarmi (almeno spero!) per i prossimi 15 giorni. Al mio ritorno aggiornerò il blog con tutto quello che avrò visto/letto in questi giorni di festa. Quindi a me, per ora, non mi rimane che augurarvi...

BUONE FESTE!!!

ci risentiamo il 9 di gennaio

lunedì 19 dicembre 2011

MIGLIO 81 di Stephen King

COMMENTO: Questo ebook non è nemmeno una novella, ma semplicemente un racconto e neppure dei migliori. La storia ricorda molto Buick 8 ma è un racconto piuttosto "anonimo". La voce di King non esce mai con forza ma sembra solo un sussurro. Non mi è piaciuto molto questo Miglio 81, da King mi aspetto molto di meglio!!!

TRAMA: Al Miglio 81 c'è una stazione di servizio chiusa, dove i ragazzi vanno a bere e a cacciarsi nei guai. È proprio lì che finisce Pete Simmons, quando suo fratello maggiore lo lascia solo per andare a giocare con gli amici. Pete si infila nel fast food abbandonato, con una bottiglia di vodka mezza piena. Ne beve abbastanza da addormentarsi. Poco dopo, una station wagon sfonda l'ingresso dell'area di servizio. La portiera si apre, ma non esce nessuno... Quando Pete si risveglia, ci sono cinque macchine ferme al Miglio 81. Due bambini - Rachel e Blake Lussier - e un cavallo che si chiama DeeDee sono gli unici esseri viventi rimasti. Se non si conta la station wagon.

IL TEMPO E' UN BASTARDO di Jennifer Egan

COMMENTO: Il libro è costruito con una sequenza di racconti in cui i personaggi "si passano la palla" per raccontare un pezzo della loro storia. Ogni racconto appartiene ad un periodo differente ed ognuno racconta la vita di queste persone attraverso un piccolo frammento. Ogni racconto è fine a se stesso ma incastonato in una storia di più ampio respiro che ci porta a conoscere meglio queste persone che si incastrano l'un l'altra come un bellissimo puzzle. La Egan è davvero bravissima a non far mai perdere il filo di questa storia, anzi le voci diverse sono il punto di forza di questo bellissmo libro. Sono storie di vita, sono storie belle. Alcune fanno ridere, alcune fanno commuovere, alcune fanno pensare... proprio come nella vita reale. Un romanzo davvero molto bello, di quelli da assaporare lentamente, senza disperdere nessuna parola.

TRAMA: Il romanzo racconta delle difficoltà legate al passare del tempo, al crescere e all'invecchiare. Si parla della storia di diverse persone. Sasha è in terapia da uno psicologo perché ha tendenze cleptomani ed è l'assistente di Bennie, che lavora nel settore discografico e sta facendo visita ad una band per chiudere un accordo. Essi sono i due personaggi principali, che restano sempre, più o meno, al centro della scena, in base alle diverse prospettive che vengono descritte.
Ed ecco svelata la copertina di The Dark Tower: The wind through the keyhole, il prossimo capitolo della saga della Torre Nera che verrà pubblicata il prossimo anno. Vi piace? A me, sinceramente, no. Comunque sul sito della Donald M Grant ci sono anche l'introduzione al libro e un estratto. L'edizione limitata che potete già prenotare avrà un costo di 75$ (la versione Artist) e 350$ (la versione deluxe).

Dimenticavo... le illustrazioni sono di Jae Lee

sabato 17 dicembre 2011

IN VIAGGIO CON UNA ROCK STAR di Nicholas Stoller

COMMENTO: La premiata ditta "Apatow" ci dona l'ennesima buona commedia demenziale. Il merito principale della riuscita è sicuramente la coppia Brand-Hill che ci regala un divertimento "fuori di testa" come si addice alla vita sregolata di una rock-star. La sceneggiatura è ben scritta anche se, come al solito nei film targati Apatow, c'è qualche scena di cattivo gusto che poteva essere benissimo eliminata. Comunque il film è bello e i 109 minuti del film scivolano via che è un piacere! Voto: 6 1/2

CAST: Russell Brand, Rose Byrne, Lars Ulrich, Colm Meaney, Jonah Hill, Elisabeth Moss

TRAMA: Il 23enne Aaron Greenberg ha un delicato incarico da portare a termine: scortare l'eccentrica star del rock inglese Aldous Snow da Londra a Los Angeles, dove il musicista è atteso per un super concerto al Greek Theatre. Lungo il tragitto, infatti, Aaron dovrà vedersela con spacciatori di droga, risse e ballerine di lap dance che metteranno a rischio il raggiungimento della destinazione finale...

TAGLINE: Aaron Green ha 72 ore per portare una Rock Star da Londra a Los Angeles. Prega per lui

venerdì 16 dicembre 2011

L'ALBA DEL PIANETA DELLE SCIMMIE di Rupert Wyatt

COMMENTO: Non ho mai visto nessuno dei film precedenti ma questo prequel mi è davvero piaciuto un sacco. Una storia davvero ben scritta, un film pieno di ritmo, un gran bel cast (ma a farla da padrone è la performance straordinaria di Cesare a cui da espressione e movimento l'attore Andy Serkis). Il film conquista ed emoziona e ad un blockbuster non si può davvero chiedere di più! Voto: 7 1/2

CAST: James Franco, Freida Pinto, John Lithgow, Brian Cox, Tom Felton, David Oyelowo, Tyler Labine, Jamie Harris, Andy Serkis

TRAMA: Una serie di esperimenti d'ingegneria genetica portano all'evoluzione intelligente delle scimmie e al futuro scontro di civiltà con gli esseri umani.

TAGLINE: L'evoluzione diventa rivoluzione

mercoledì 14 dicembre 2011

LE AMICHE DELLA SPOSA di Paul Feig

COMMENTO: Una commedia davvero divertente! E' leggera, fresca, con ottimi dialoghi e tanti momenti spassosi. Il cast poi è davvero azzeccatissimo (un immenso applauso a Melissa McCarthy che fa davvero scompisciare!). Per una volta ci viene ragalata una commedia non banale. Le due ore del film scivolano via che è una bellezza. Insomma, un film assolutamente da non perdere! Voto: 7+

CAST: Kristen Wiig, Maya Rudolph, Jill Clayburgh, Wendi McLendon-Covey, Ellie Kemper, Melissa McCarthy, Rose Byrne, Chris O'Dowd

TRAMA: Annie ha superato i trent'anni, è single e al verde, e sta per entrare nel vorticoso mondo delle damigelle d'onore: la sua migliore amica Lillian, infatti, sta per sposarsi e le ha chiesto di essere la sua prima damigella. Annie si lancia quindi in tutti i rituali richiesti ed entra in contatto con Helen, Rita, Becca e Megan, le altre ragazze che compongono il gruppo delle damigelle, ma ben presto si renderà conto di quanto difficile sia portare perfettamente a compimento tutti i doveri della brava damigella e che nel gruppo c'è qualcuno ben disposto a soffiarle l'ambito ruolo...

CITAZIONE: "È la prima volta che ti vedo brutta e questo mi rende felice!"

TAGLINE: Siamo tutti invitati.

martedì 13 dicembre 2011

IL MARCHIO DEL DIAVOLO di Glenn Cooper

COMMENTO: Mi spiace che Glenn Cooper sprechi il suo talento narrativo con storie tanto sconclusionate. Sono deluso da questo "Il marchio del diavolo" perchè è scritto bene ma la storia (che tra l'altro strizza parecchio l'occhio al'orrendo "Angeli e Demoni" di Dan Brown) non ha senso e non sta affatto in piedi. Peccato, davvero peccato, perchè Cooper dopo il soprendente "La biblioteca dei morti" non ha più saputo azzeccarne un altro!

TRAMA: Roma, 1139. Inquieto, un uomo alza gli occhi alla volta celeste. Seguendo le indicazioni dei suoi predecessori, è arrivato nella Città Eterna per assistere all’eclissi che mostrerà un allineamento astrale unico. All’ora stabilita, la luna a poco a poco si dissolve nell’oscurità, rivelando 112 stelle. È il segno che l’uomo aspettava: ancora 112 papi, poi, sulle rovine della Chiesa, sorgerà un nuovo mondo. Roma, 2000. Incredula, una giovane archeologa fissa il cielo. Poche ore prima, il Vaticano le ha ordinato d’interrompere gli scavi nelle catacombe di San Callisto, mettendo così fine alla sua carriera accademica. E adesso lei giace sull’asfalto, in una pozza di sangue. Tuttavia, nell’istante in cui l’aggressore le ha conficcato il pugnale nel petto, Elisabetta ha notato un dettaglio agghiacciante. Un dettaglio impossibile da dimenticare. Roma, oggi. Sconcertata, una suora studia i simboli astrologici tracciati sul muro. Ma quello non è il solo enigma custodito dall’antico colombario di San Callisto. Intorno a lei, infatti, ci sono decine di scheletri caratterizzati da un’anomalia inquietante: la stessa anomalia del sicario che, anni prima, aveva cercato di ucciderla. Decisa a far luce sul mistero, suor Elisabetta entra in possesso di un rarissimo esemplare del Dottor Faust di Marlowe e intuisce che quei versi sono il codice per svelare il cerchio diabolico che lega passato, presente e futuro. Perché il papa è morto, il conclave è alle porte e la profezia sta per compiersi...

lunedì 12 dicembre 2011

KUNG FU PANDA 2 di Jennifer Yuh

COMMENTO: Questo secondo capitolo delle avventure del panda Po è un filino inferiore al precedente. La storia è davvero ottima anche se questa volta la DreamWorks ha puntato meno sul divertimento e più sulle scene di combattimento e quelle "sentimentali". Maginifica la scelta di inserire nel film delle scene 2D che raccontano il passato di Po, una scelta stilistica che imprime forza a momenti importanti. Ottimo anche il doppiaggio (la voce di Volo è azzeccatissima). Insomma, un'altro bellissimo film d'animazione. Voto: 7 1/2

TRAMA: Po è finalmente diventato il 'Guerriero del Dragone' e vive felice nella Valle della Pace insieme ai suoi amici, le 5 Furie. Tuttavia, la loro placida esistenza viene interrotta dall'apparizione di una pericolosa e inarrestabile potenza decisa a conquistare la Cina e a distruggere per sempre il kung-fu. Quando il tutto sembra ormai essere perduto, Po scoprirà che per trovare la forza di fermare il potente nemico dovrà scavare nel suo passato...

CITAZIONE: "Ciò che conta non è la propria storia ma ciò che decidi di essere!"

TAGLINE: Preparatevi al ritorno del panda-monio.

domenica 11 dicembre 2011

MOSSE VINCENTI di Thomas McCarthy

COMMENTO: Ormai Giamatti è una vera certezza. Ogni sua prova è convincente e la sua prova in questo "Mosse Vincenti" è davvero superlativa! Questa commedia drammatica è davvero ben scritta, non scontata e anche divertente. Il cast è davvero di grande livello. Voto: 7

CAST: Paul Giamatti, Amy Ryan, Bobby Cannavale, Jeffrey Tambor, Burt Young, Melanie Lynskey, Alex Shaffer, Margo Martindale, David W. Thompson

TRAMA: Mike Flaherty, avvocato in bolletta e allenatore di una scalcagnata squadra di lotta libera di un liceo, per arrotondare lo stipendio decide di assumersi la tutela di Leo Poplar, un anziano affetto da demenza senile. Leo, infatti, non ha parenti prossimi che possano provvedere alla sua custodia perché la figlia è irrintracciabile, ed è destinato alla custodia dello Stato a meno che, dietro cospicuo assegno mensile, non ci sia qualcuno disposto ad assisterlo. Mike ne diventa quindi il tutore, anche se lo ricovera in una casa per anziani. Poi, un giorno, si fa vivo Kyle, il nipote adolescente di Leo che è fuggito di casa e che, non volendo più avere a che fare con la madre, è in cerca di riparo dal nonno. Mike, non solo lo accoglie in casa sua e decide di aiutarlo ma, avendo scoperto che il ragazzo è stato una stella nascente della lotta libera, lo coinvolge anche nella sua squadra, con la speranza di vincere finalmente qualcosa. Con il passare dei giorni, Kyle sembra ritrovare un po' di serenità e fiducia in se stesso, ma il ritorno della madre da una clinica di riabilitazione rischierà di mettere nuovamente in crisi il ragazzo, oltre che rovinare la vita privata e la carriera dello stesso Mike...

TAGLINE: In the game of life, you can't lose 'em all.

sabato 10 dicembre 2011

1Q84 di Haruki Murakami

COMMENTO: Mi è piaciuto questo 1Q84? Certo che sì! E' il capolavoro di Murakami? Assolutamente no! Questo romanzo del grande Haruki Murakami è davvero molto bello, intenso, scorrevole e la storia è davvero intrigante ma... ho faticato un po' a "sentire" la "vera voce" di Murakami. Le prime pagine ti incollano subito e già pregusti un capolavoro ma poi per parecchie pagine la voce sembra spegnersi in lontanaza e tu ne odi solo l'eco finchè quella voce non esplode in un magnifico urlo potente ma questo urlo si interrompe bruscamente, nel pieno della sua potenza perchè (e qui non è colpa di Murakami ma della Einaudi) il romanzo non si conclude e fino all'anno prossimo questo urlo rimarrà sospeso. Mi è piaciuto davvero un sacco questo 1Q84, nonostante non sia perfetto. Ho amato i suoi personaggi, ho amato le vicende e ora resto in attesa di poter concludere la storia perchè troppi interrogativi sono ancora senza risposta!

TRAMA: 1984, Tokyo. Aomame è bloccata in un taxi nel traffico. L’autista le suggerisce, come unica soluzione per non mancare all’appuntamento che l’aspetta, di uscire dalla tangenziale utilizzando una scala di emergenza, nascosta e poco frequentata. Ma, sibillino, aggiunge di fare attenzione: «Non si lasci ingannare dalle apparenze. La realtà è sempre una sola». Negli stessi giorni Tengo, un giovane aspirante scrittore dotato di buona tecnica ma povero d’ispirazione, riceve uno strano incarico: un editor senza scrupoli gli chiede di riscrivere il romanzo di un’enigmatica diciassettenne così da candidarlo a un famoso premio letterario. Ma La crisalide d’aria è un romanzo fantastico – o almeno così dovrebbe essere – tanto ricco di immaginazione quanto sottilmente inquietante: la descrizione della realtà parallela alla nostra e di piccole creature che si nascondono nel corpo umano come parassiti turbano profondamente Tengo. L’incontro con l’autrice non farà che aumentare la sua vertigine: chi è veramente Fukada Eriko? Intanto Aomame (che pure non è certo una ragazza qualsiasi: nella borsetta ha un affilatissimo rompighiaccio con cui deve uccidere un uomo) osserva perplessa il mondo che la circonda: sembra quello di sempre, eppure piccoli, sinistri particolari divergono da quello a cui era abituata. Finché un giorno non vede comparire in cielo una seconda luna e sospetta di essere l’unica persona in grado di attraversare la sottile barriera che divide il 1984 dal 1Q84. Ma capisce anche un’altra cosa: che quella barriera sta per infrangersi...

giovedì 8 dicembre 2011

COME AMMAZZARE IL CAPO... E VIVERE FELICI di Seth Gordon

COMMENTO: Partio subito dicendo che questa commedia non mi è affatto dispiaciuta. Le parti più belle sono sicuramente quelle con gli "Horrible Bosses" (Spacey, Farrell e Aniston) davvero "in palla". Le parti in solitaria del "trio" di sottomessi sono un po' troppo scurrili e non sempre azzeccate. Forse dando maggiore spazio ai cattivi il film poteva essere migliore ma tutto sommato il film diverte abbastanza. Voto: 6 1/2

CAST: P.J. Byrne, Kevin Spacey, Colin Farrell, Steve Wiebe, Jennifer Aniston, Jason Bateman, Charlie Day, Lindsay Sloane, Michael Albala

TRAMA: Complice un bicchierino di troppo e i consigli di un ex galeotto, gli amici Nick, Dale e Kurt decidono di eliminare i rispettivi capi, ritenuti responsabili di intralciare la felicità nelle loro vite. Infatti, l'aspirante manager Nick lavora 12 ore al giorno subendo le angherie del suo folle superiore Harken, sperando nella meritata promozione che, di fatto, non arriverà mai; l'igienista dentale Dale deve difendersi dalle insistenti avances della Dottoressa Julia Harris; il contabile Kurt deve vedersela, invece, con l'irragionevole e irresponsabile erede del signor Pellit, il nuovo proprietario dell'azienda per cui lavora. Tuttavia, anche il più infallibile dei piani potrebbe non andare a buon fine...

CITAZIONE: "Perché? Perchè Kurt ti sei infilato il suo spazzolino nel culo!"

TAGLINE: Psicopatico. Maniaca. Depravato.

martedì 6 dicembre 2011

Graie Roberto per 20 minuti di grande televisione!

Ieri sera ho guardato lo spettacolo di Fiorello ilpiùgrandespettacolodopoilweekend. Che dire... una boccata d'ossigeno in una televisione di livello infimo. Di quello che ho visto, oltre a un Jovanotti carichissimo, il solito Roberto Benigni ha giganteggiato. Volevo qui riportare alcune chicche:

Su Berlusconi:
"Un mese fa, prima che Berlusconi si dimettesse, l'Italia aveva due grandissimi problemi. Ora è rimasto solo il debito pubblico".

"I giornali stranieri dicono che è apprezzato perché ci sono persone preparate che fanno politica e lavorano per il bene dell'Italia: ma allora quello di prima che faceva? Adesso almeno quando Monti dice 'ce la faremo', sappiamo che si riferisce alla situazione dell'Italia".

"Ora che è libero tutto il giorno chissà che cosa combina, ma quante ce ne aveva? Dappertutto: quelle di Arcore, quelle della Sardegna, quelle di Roma... le escort a chilometro zero".

"C'era una volta un cavaliere, aveva tanti cavalli, servi e stallieri, e tanti castelli, tante principesse, tutte sul pisello... Poi ne arrivò una troppo giovane, era la nipote del Gatto con gli stivali. E arriverò un orco, anzi una orca dalla Germania, che si mise a urlare 'bund, spread, bund', le principesse fuggirono dal pisello che rimase lì solo, si dimise, e noi vivemmo felici e contenti".

Sulla nostra "povera Italia":
"E' un momento difficile, finora abbiamo scommesso sulla nostra parte più bassa, ora dobbiamo puntare a quella più alta, ricordare che il mondo non ce l'abbiamo in dono dai nostri padri ma in prestito dai nostri figli. In questa fase di difficoltà ho sentito vicine, sincere e profonde le lacrime della signora Fornero, mi ha fatto avere una piccola emozione. Non ho consigli da dare se non che nei momenti difficili bisogna stare insieme, lo sappiamo fin dall'Ecclesiaste".

Il bellissimo ricordo di Sandro Pertini:
"Un grande padre della nostra patria, che è stato in galera, in esilio, ha fatto la resistenza e ha subìto cose terribili per la nostra libertà. Ebbene lui che era pacifista convinto, andò volontario nella prima guerra mondiale perché, disse, aveva visto che a partire erano i figli dei contadini, degli operai, tutta povera gente e in quel momento il bisogno che sentì era che doveva dare più di loro, per questo partì con loro, ma in prima linea, perché chi ha di più deve dare molto di più".

Sui giovani, citando sempre Pertini:
"Quando si danno loro dei consigli bisogna ricordarsi che i ragazzi non ascoltano quelle parole, perché non hanno bisogno di sermoni ma hanno bisogno di esempi di onestà".

La chiusura citando il grande Andrea "Paz" Pazienza:
"Guardare avanti perché come diceva Andrea Pazienza, non bisogna mai tornare indietro, nemmeno per prendere la rincorsa".

domenica 4 dicembre 2011

HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE - PARTE 2 di David Yates

COMMENTO: Un capitolo conclusivo degno del "botto finale". A parte il solito incolore Radcliffe tutto gira piuttosto bene. Il cast, come sempre ottimo (anche se alcuni personaggi sono un po' trascurati), una sceneggiatura incalzante e toni dark efficaci e ottimi effetti speciali. La saga si conclude, fortunatamente, con un buon film che credo soddisfa i fans (coem me) del maghetto. Un'ultima cosa: dei tre giovani protagonisti, dopo 8 film in 9 anni, l'unica ad avere un futuro nel cinema può essere Emma Watson, per gli altri due non vedo speranze. Voto: 7 1/2

CAST: Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Emma Watson, Ralph Fiennes, Alan Rickman, Tom Felton, Michael Gambon, Evanna Lynch, Helena Bonham Carter, Maggie Smith, Bonnie Wright, David Thewlis

TRAMA: Harry, Ron ed Hermione decidono di andare alla ricerca degli ultimi horcrux, ma Voldemort scopre la loro missione. Avrà così luogo l'ultima, decisiva battaglia che cambierà per sempre l'esistenza dei tre maghi...

CITAZIONE: "Come osa stare dove stava lui?! Racconti come è andata quella notte! Racconti come lo ha guardato negli occhi! Un uomo che si fidava di lei, e lei lo ha ucciso! Racconti!"

TAGLINE: Tutto finisce

sabato 3 dicembre 2011

CAPTAIN AMERICA - IL PRIMO VENDICATORE di Joe Johnston

COMMENTO: Devo essere sincero? A me questo "Captain America" ha un po' deluso. L'ho trovato un po' troppo lento, persino noioso in alcuni punti. Per me i "cine-comics" devono stupire e divertire ma questo film è troppo prolisso e poco efficace. Evans è un "Big Jim" incolore e la Atwell solo una "bona" presenza scenica, mentre gli altri li ho trovati all'altezza (Lee Jones su tutti!). Insomma alla fine resta davvero poco di questo tanto sbandierato Captain America, lontano anni luce da Iron Man o Thor. Voto: 6+

CAST: Chris Evans, Hayley Atwell, Sebastian Stan, Tommy Lee Jones, Hugo Weaving, Dominic Cooper, Richard Armitage, Stanley Tucci

TRAMA: Rifiutato dall'Esercito perché fisicamente non idoneo, Steve Rogers decide di prendere parte ad un progetto segreto che lo trasformerà in Capitan America, un supereroe impegnato nella lotta per la difesa della libertà e della legalità...

CITAZIONE: "Se cominci a scappare non ti fermi più. Li affronti, ti ribelli. Devi andare avanti lo stesso, no?"

TAGLINE: When patriots become heroes

giovedì 1 dicembre 2011

HO IL TUO NUMERO di Sophie Kinsella

COMMENTO: Considero questo "Ho il tuo numero" uno dei più belli della Kinsella. Non è alta narrativa, è pieno di stereotipi, i personaggi della Kinsella sono tutti uguali MA... è un libro davvero divertente, frizzante, leggero. La storia scivola via velocemente come una buona commedia, le pagine scorrono una dietro l'altra appassionandoti e alla fine non avrò letto qualcosa che rimarrà nella storia della letteratura ma almeno mi sono divertito e rilassato!

TRAMA: Cosa accade se ti scippano il telefonino e tutta la tua vita è lì dentro? Ti senti persa, naturalmente. È quello che capita a Poppy, una scombinata fisioterapista prossima alle nozze con un affascinante docente universitario. Proprio quando il telefono le serve per una faccenda a dir poco urgente! Perché tra le altre cose, nel bel mezzo di una festa con le amiche ha appena perso il suo prezioso anello di fidanzamento, uno smeraldo come non ne ha mai visti nella sua intera esistenza. Poppy è nel panico, e mentre cerca affannosamente l'anello perduto cosa vede in un cestino dei rifiuti? Un cellulare nuovo di zecca che sembra aspettare proprio lei. È un attimo. Ed è suo. Non può permettersi il lusso di rimanere scollegata, non in questo momento. Ma di chi è quel telefono? E a cosa si riferiscono gli strani messaggi che riceve? Poppy non ha il tempo di farsi troppe domande. Ha un anello da ritrovare, un matrimonio da organizzare e qualche cosuccia in sospeso con i suoi futuri suoceri. Ma non sa che quel telefono e lo sconosciuto con cui si troverà a condividerlo le metteranno a soqquadro la vita.

martedì 29 novembre 2011

TRE ATTI E DUE TEMPI di Giorgio Faletti

COMMENTO: Faletti abbandona il thriller e sopratutto abbandona lo stile prolisso per regalarci una piccola perla. Già, questo "Tre atti e due tempi" mi è piaciuto. Lo stile è scorrevole, la storia appassiona e Giorgio non si dilunga in cose inutili ma crea una storia densa e veloce, con un ottimo protagonista. Forse alcune situazioni sono un po' tirate per i capelli ma è un romanzo e quindi si possono anche perdonare perchè davvero il libro merita. Io spero che al prossimo libro il buon Faletti decida di tenere questa "dieta" stilistica.

TRAMA: Un romanzo che stringe in unità fili diversi: la corruzione del calcio e della società, la mancanza di futuro per chi è giovane, la responsabilità individuale, la qualità dell'amore e dei sentimenti in ogni momento della vita, il conflitto tra genitori e figli. E intanto, davanti ai nostri occhi, si disegnano i tratti affaticati e sorridenti di un personaggio indimenticabile. Silver, l'antieroe in cui tutti ci riconosciamo e di cui tutti abbiamo bisogno.

lunedì 28 novembre 2011

IL GIRO PIU' PAZZO DEL MONDO di Scarlett Thomas

COMMENTO: Leggero, divertente, fresco e scorrevole. Questi sono gli aggettivi che mi vengono in mente per descrivere questo romanzo. A parte l'orrida copertina, il libro scorre che è una bellezza. Un "Mago di Oz" aggiornato ai giorni nostri, un viaggio on the road di un gruppo di amici per raggiungere ognuno la propria libertà: c'è chi ha paura di tutto, che quello che non può uscire di casa, c'è quello malato, c'è quello che combatte contro se stessa, c'è chi si crede una strega... insomma c'è davvero tanta carne al fuoco ma la Thomas è davvero brava a non farsi prendere troppo la mano e mantenere per tutto il libro uno stile leggero e accattivante. E così siamo compagni di questo strano gruppo verso il prorpio essere se stessi.

TRAMA: Luke ha 25 anni, grandi idee e tanta voglia di fare, ma è allergico alla luce del sole, ed è costretto a trascorrere le sue giornaterinchiuso in casa. Le sue uniche finestre sul mondo sono la tv, internet e le visite serali di July, una vicina di casa che fa la cameriera e per hobby risolve astrusi teoremi matematici. Ma stavolta Luke ha deciso che è ora di guarire: entro la finedell’anno troverà una cura per la sua malattia. E così quando un guru con cui è entrato in contatto via internet gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, Luke non ha più nessuna scusa per tirarsi indietro. Si procura un furgoncino e, in compagnia di July e di quattro amici – Charlotte, David, Leanne e Chantal – si mette in viaggio nella fitta pioggia di ottobre, imbacuccato in un’improvvisata tuta spaziale. Lasciata Londra, il furgoncino si inerpica per le stradine della campagna inglese, verso quella che si prospetta un’incredibile avventura…

domenica 27 novembre 2011

VENTO DI PRIMAVERA di Rose Bosch

COMMENTO: Non ha la maestosità e la bellezza stilistica dell'immenso Schindler's List (Rose Bosch non vale un'unghia di Spielberg) ma questo Vento di primavera è comunque un'opera efficace. L'Olocausto è stato qualcosa di spregevole in cui tutte le peggiori aberrazioni dell'uomo sono venute fuori e anche in questo ennesimo film vengono brutalmente messe in scena. Un film non scontato dove grandi attori (quali Reno e la Laurent) si mettono al servizio della storia e si amalgamano perfettamente con il resto del cast. Una buona opera che colpisce duro. Voto: 7

CAST: Jean Reno, Mélanie Laurent, Gad Elmaleh, Raphaëlle Agogué, Hugo Leverdez, Joseph Weismann, Mathieu Di Concerto

TRAMA: Francia, luglio 1942. L'11enne Joseph vive insieme alla sua famiglia nella Parigi occupata dai Nazisti e, insieme ad altre migliaia di ebrei, ha trovato riparo nel quartiere di Montmartre, dove spera di riuscire a sopravvivere. Tuttavia, una mattina, tutti gli ebrei vengono rastrellati e ammassati al Vélodrome D'Hiver e da lì condotti al campo di concentramento di Beaune-La-Rolande. In quel momento si compiranno i destini di tutti: vittime e carnefici.

TAGLINE: Paris, 16 juillet 1942, 4 heures du matin...

sabato 26 novembre 2011

THE GREAT DEBATERS di Denzel Washington

COMMENTO: Mi è davvero piaciuto molto questo film di Washington. Tralasciando qualche "americanismo" il film è davvero efficace sopratutto nel mostrare la situazioni dei neri negli anni '30. Alcune scene sono di un impatto emotivo enorme e Washington è stato davvero bravissimo a mostrare non solo l'odio ma anche piccolissime gemme di speranza nella lotta contro il razzismo. Un film efficace, a volte crudo, con un discreto cast (lo stesso regista giganteggia nella sua parte) e diretto con mano sicura. Voto: 7+

CAST: Denzel Washington, Nate Parker, Jurnee Smollett, Denzel Whitaker, Jermaine Williams, Forest Whitaker, Gina Ravera, John Heard

TRAMA: USA, 1935. Melvin B. Tolson, professore del Wiley College Texas - tradizionalmente frequentato da neri - istituì il primo 'Debate Team' (Gruppo di dibattito) della sua scuola che arrivò a sfidare un gruppo di studenti di Harvard nel campionato mondiale.

CITAZIONE: "Bisogna fare quello che si deve per poter fare quello che ci piace!"

TAGLINE: When the nation was in need, he inspired them to give us hope.

venerdì 25 novembre 2011

COSE CHE NESSUNO SA di Alessandro D'Avenia

COMMENTO: Questa seconda opera di D'Avenia è stata una grossa delusione. Il libro non è malaccio ma questa volta il "prof" delude le aspettative cercando di esagerare. Troppe citazioni "colte" (anche se molto belle), troppi stereotipi (c'è la ragazza il cui padre ha abbandonato la famiglia, c'è il ribelle, c'è l'amica simpatica, ci sono le compagne crudeli, c'è il prof che cerca di cambiare le vite degli studenti, ecc...), troppe situazioni banalotte... Insomma il libro si legge ma D'Avenia, in questo romanzo, vuole piacere ad ogni costo (e sembra quasi voler mostrare quanto è bravo) e questo distrugge la narrazione togliendo leggerezza al libro. Il suo romanzo precedente, pur parlando di adolescenti in difficoltà aveva uno stile bello, qui invece scade più volte nell'odioso "moccismo". Forse mi aspettavo troppo da questo libro ma ho davvero faticare a ritrovare quella bella voce che mi aveva entusiasmato nel suo esordio narrativo e alla fine mi chiedo: dov'è il D'Avenia di "Bianca come il latte..."? Leggetevi quello che è meglio!

TRAMA: Margherita ha quattordici anni e sta per varcare una soglia magica e misteriosa: l’inizio del liceo. Un mondo nuovo da esplorare e conquistare, sapendo però di poter contare sulle persone che la amano. Ma un giorno, tornata a casa, ascolta un messaggio nella segreteria telefonica: è di suo padre, che non tornerà più a casa. Margherita ancora non sa che affrontando questo dolore si trasformerà a poco a poco in una donna, proprio come una splendida perla fiorisce nell’ostrica per l’attacco di un predatore marino. Accanto a lei ci sono la madre, il fratellino vivace e sensibile e l’irriverente nonna Teresa. E poi Marta, la compagna di banco sempre sorridente, e Giulio, il ragazzo più cupo e affascinante della scuola. Ma sarà un professore, un giovane uomo alla ricerca di sé eppure capace di ascoltare le pulsazioni della vita nelle pagine dei libri, a indicare a Margherita il coraggio di Telemaco nell’Odissea: così che il viaggio sulle tracce del padre possa cambiare il suo destino...

giovedì 24 novembre 2011

L'OMBRA DELLO SCORPIONE: I SOPRAVVISSUTI di Stephen King

COMMENTO: Adoro questa serie di Graphic Novel de L'ombra dello scorpione. Lo adoro perchè ha una sceneggiatura davvero azzeccata (e credetemi, adattare il mastodontico romanzo non è facile!) e tavole meravigliose. In più le bellissime copertine di Bermejo (l'ho già detto: vorrei una Graphic Novel tratta da IT con lui come illustratore). Unico piccolo neo: il prezzo che continua a lievitare!!! A parte tutto questa seie è un CAPOLAVORO assoluto e per molti versi la preferisco addirittura alla serie della Torre Nera!!

TRAMA: In versione graphic novel, uno dei long seller del maestro del brivido: un morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio semina morte e terrore. Il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all’epidemia e per i pochi scampati c’è una guerra ancora tutta da combattere tra chi ha deciso di seguire il Bene e chi invece ha scelto di calcare le orme di Randall, il Senza Volto, il Male, il Signore delle Tenebre

20 ANNI SENZA TE...




My soul is painted like the wings of butterflies
Fairytales of yesterday will grow but never die
I can fly my friends
The show must go on


martedì 22 novembre 2011

22/11/'63 di Stephen King

COMMENTO: King, con 22/11/'63, ci regala davvero un grande libro. Non un libro perfetto ed indimenticabile (come IT o L'ombra dello scorpione), ma comunque un bellissimo libro. L'espediente del viaggio nel tempo per salvare Kennedy e cambiare la storia serve a King per narrarci una bellissima storia d'amore. Il libro, come detto prima, non è esente da difetti: la parte centrale, quella in cui Jake segue Lee Oswald è, a mio avviso, troppo lunga e, sinceramente, un po' noiosa e forse con un migliore lavoro di editing poteva essere accorciata ma è un difetto veniale se poi tutto il resto è potente: la parte di Derry è fantastica (e King, per omaggiare i 25 anni dall'uscita di IT, ci regala un cameo di Beverly e Richie), la parte ambientata a Jodie è meravigliosa, la parte dell'omicidio di Kennedy ti incolla al libro, la parte delle coseguenze al salvataggio di Kennedy è angosciante e il finale è qualcosa di fenomenale! Insomma questo libro è davvero molto bello e la voce magica di King è davvero forte in questo libro (davvero ottima anche la traduzione) e noi, fedeli lettori, rimaniamo a bocca aperta ad ascoltare la dolce melodia delle parole con cui il Re ci racconta queta storia. King ci regala i soliti meravigliosi personaggi, una storia avvincente e tanto altro...

TRAMA: Jake Epping è un tranquillo professore di Lisbon Falls, Maine, e il suo posto preferito per fare quattro chiacchiere è la tavola calda di Al. Che ha un segreto: la dispensa in realtà è un passaggio temporale, e conduce al 1958. Per Jake è una rivelazione sconvolgente, eppure l’incredulità non gli impedisce di farsi coinvolgere nella missione che ossessiona il suo amico da tempo. Se mai hai voluto cambiare veramente le cose, Jake, questa è la tua occasione: ferma Oswald quel 22 novembre 1963. Salverai Kennedy. Salverai suo fratello Bob, e Martin Luther King; bloccherai le rivolte razziali. E forse eviterai anche la guerra in Vietnam. Basta che passi per la «buca del coniglio», sul retro della tavola calda. Non importa quante volte l'attraversi: uscirai sempre sul piazzale di una fabbrica tessile di Lisbon Falls, ore 11.58 del 9 settembre 1958. E non importa quanto a lungo resti in quel passato: al ritorno, nel tuo presente saranno trascorsi due minuti. Comincia così la nuova esistenza di Jake nei panni di George Amberson e nel mondo di Elvis Presley, James Dean e JFK, delle automobili interminabili, del twist e del fumo di sigaretta che avvolge tutto. Un mondo nel quale Jake è destinato a conoscere l'amore e a sovvertire tutte le regole del tempo. Fino a cambiare il corso della storia.

Esce oggi... CAMPOVOLO 2.011

CD 1
M’abituerò (registrato in studio con i ClanDestino)
Questa è la mia vita
Un colpo all’anima
I “ragazzi” sono in giro
Ci sei sempre stata
Atto di fede
Le donne lo sanno
Ho ancora la forza
Anime in plexiglass
Figlio d’un cane
Marlon Brando è sempre lui

CD 2
Sotto bombardamento (registrato in studio con La Banda)
I duri hanno due cuori
Non è tempo per noi
Balliamo sul mondo
Il giorno di dolore che uno ha
In pieno rock’n’roll
Vivo morto o X
Viva!
Quella che non sei
Certe notti
Tra palco e realtà
Buonanotte all'Italia

CD 3
Quando canterai la tua canzone
A che ora è la fine del mondo?
Piccola stella senza cielo
Sulla mia strada
Urlando contro il cielo
Il peso della valigia
Il meglio deve ancora venire
Taca banda
Ora e allora (registrato in studio con Il Gruppo)

lunedì 21 novembre 2011

WORLD INVASION di Jonathan Liebesman

COMMENTO: Film fanta-catastrofico fracassone con poche idee e parecchi stereotipi. E' ora di finirla con 'sto cavolo di patriottismo americano! Basta con le frasi ad effetto dei marines! Hanno veramente rotto. Per il resto: discreta regia con macchina a spalla che segue la truppa conferendogli uno stile da reportage di guerra, tanta azione, tante esplosioni e happy end per rendere tutti contenti. Il film si guarda ma è proprio al limite della sufficienza. Voto: 6

CAST: Aaron Eckhart, Ramon Rodriguez, Will Rothhaar, Cory Hardrict, Jim Parrack, Gino Anthony Pesi, Ne-Yo, James Hiroyuki Liao, Noel Fisher

TRAMA: Nel 2011 i casi di avvistamento degli UFO, finora sporadici eventi, sono diventati una minacciosa e terrificante realtà: un'invasione aliena sta infatti terrorizzando la Terra, distruggendo le più grandi e imporatanti città del pianeta. L'estremo baluardo diventerà la città di Los Angeles, dove un plotone di Marines, cercherà di fronteggiare l'attacco in un'ultima estrema, battaglia.

CITAZIONE: "Facciamo vedere a questi bastardi chi ha i coglioni"

TAGLINE: Questo è solo l'inizio

venerdì 18 novembre 2011

Buon Weekend!

In questi giorni mi è tornato alla mente la settimana di tanti anni fa (andavo ancora alle superiori) in cui lessi per la prima volta IT. Per leggere le 1238 pagine scritte da King ci impegai solo 3 giorni. Furono tre giorni di full immersion nel mondo inventato dal maestro e furono un'esperienza totalitaria: leggevo tutto il pomeriggio e fino alle 2/3 di notte con pause solo per mangiare qualcosa. Mi è tornato in mente perchè in questi giorni sto leggendo 22/11/'63 e vorrei poter avere ancora tanto tempo a disposizione ma purtroppo i tempi sono cambiati... ora il libro, per il momento (sono a pagina 400) è davvero splendido e addirittura il buon maestro per l'occasione dei 25 anni dall'uscita di IT è tornato per alcune pagine a Derry e in una fugace comparsata sono tornati Beverly e Richie... mi è venuta addosso una nostalgia che non vi dico. Vabbè, tralasciamo questi miei sentimentalismi e lanciamoci in questo novello fine settimana, il primo del nuovo governo Monti. Ragazzi, ci sentiamo lunedì!!!

martedì 15 novembre 2011

IL PRIMO INCARICO di Giorgia Cecere

COMMENTO: Una sempre bravissima Ragonese da corpo e anima a questa neo-maestra che come primo incarico si ritrova in un piccolo sperduto paesino del sud dove a farle "compagnia" ci sono solo vecchi, qualche bambino a cui insegnare e molti animali. Questo piccolo film è fatto solo di sguardi, poche parole e ritmi lenti. Tutto passa attraverso il "nulla" del paese ma alla fine è prorpio questo "nulla" a diventare la vera forza che trascina la protagonista a scegliere di vivere lì. La Cecere è brava nel dare spazio alla Ragonese anche se forse la lentezza in qualche punto arriva ad annoiare. Voto: 6/7

CAST: Isabella Ragonese, Francesco Chiarello, Alberto Boll, Miriana Protopapa, Rita Schirinzi, Bianca Maria Stea Lindholm

TRAMA: Italia, 1953. Nena, una maestra originaria del Sud Italia, ha ottenuto un incarico lontano da casa e per un po' dovrà separarsi da sua madre e sua sorella ma, soprattutto, da Francesco, un giovane dell'alta borghesia di cui è innamorata. Un po' triste, ma anche curiosa per ciò che l'aspetta, Nena arriva a destinazione dove scopre che le cose stanno un po' peggio di quanto immaginasse: la scuola è situata in un luogo sperduto, su un altopiano in mezzo a una natura ostile, gli alunni sono difficili da gestire e lei non ha nulla in comune con la gente del luogo. Tuttavia, Nena è orgogliosa e caparbia e ha deciso di non farsi sconfiggere dalle avversità...

lunedì 14 novembre 2011

PUNTO D'IMPATTO di Matthew Chapman

COMMENTO: Cosa c'è di bello in questo film? Il finale non scontato e la buona prova di alcuni attori (Charlie Hunnam, Patrick Wilson, e Terrence Howard). Il resto? Davvero poca cosa. Script piuttosto banale e noioso, la Tyler la cui espressività è paragonabile a quella di una sogliola, tante situazioni da sbadiglio... insomma un film lento e noiosetto. Voto: 5/6

CAST: Charlie Hunnam, Patrick Wilson, Liv Tyler, Christopher Gorham, Terrence Howard, Jaqueline Fleming, Monica Acosta

TRAMA: Il giovane professore universitario Gavin e il detective Hollis si troveranno faccia a faccia di fronte a una difficile circostanza: Gavin 'deve' buttarsi da un cornicione entro un orario prestabilito e Hollis ha il compito di dissuaderlo. Per risolvere la drammatica situazione, entrambi dovranno confrontarsi con i rispettivi convincimenti sulla fede e sull'esistenza di una vita oltre la morte...

TAGLINE: Un passo può cambiarti la vita.

domenica 13 novembre 2011

CARS 2 di John Lasseter e Brad Lewis

COMMENTO: La Pixar ci ha sempre abituato a film poetici, innovativi (sia dal lato tecnico che per le storie) e originali, anche quando si trattava di sequel. Ma questo Cars 2 è davvero un mezzo passo falso. Non che il film sia brutto ma gli manca il magico Pixar-Touch: non è propriamente adatto ai bambini piccoli, manca di inventiva (il film è semplicemente una "parodia" degli 007), i nuovi personaggi non sono indimenticabili e quelli vecchi sono poco utilizzati. Insomma il film si guarda volentieri ma si tratta solo di una operazione mi merchandising. Cosa non si fa per i soldi. Voto: 7

TRAMA: La squadra di motori più celebre del mondo dell'animazione deve partecipare alla più importante competizione automobilistica internazionale che toccherà Giappone, Regno Unito, Francia e Italia. Tra spionaggio internazionale e inseguimenti esplosivi, la strada verso la gara si rivelerà disseminata di buche, deviazioni e divertentissime sorprese.

CITAZIONE: "Se gli altri non ti prendono sul serio, sono loro che devono cambiare, non tu."

MR. GWYN di Alessandro Baricco

COMMENTO: Dopo alcuni libri non proprio azzeccati torna il Baricco che amo. Il libro è piccolo e sebbene si possa leggere in pochissimo tempo, io consiglio vivamente di leggerlo lentamente, assaporarlo piano piano, lasciarsi invadere da una storia a primo impatto banale ma in realtà dolce e poetica. La storia di Mr. Gwyn e tutte le persone che gli ruoteranno attorno sono pervarse da un'aura magica e originale. La voce di Baricco è suadente, dolce, sussurrata e ti trascina in questa storia lasciandoti quasi senza respiro. E quel finale magico in cui arriviamo a capire che noi non siamo come dei personaggi di un romanzo, ma siamo IL romanzo stesso e i ritratti non sono altro che un capitolo della nostra storia. Insomma, Baricco centra l'obiettivo di regalarci qualcosa di indimenticabile!

TRAMA: Jasper Gwyn è uno scrittore. Vive a Londra e verosimilmente è un uomo che ama la vita. Tutt'a un tratto ha voglia di smettere. Forse di smettere di scrivere, ma la sua non è la crisi che affligge gli scrittori senza ispirazione. Jasper Gwyn sembra voler cambiare prospettiva, arrivare al nocciolo di una magia. Gli fa da spalla, da complice, da assistente una ragazza che raccoglie, con rabbiosa devozione, quello che progressivamente diventa il mistero di Mr Gwyn.

sabato 12 novembre 2011

COUNTRY STRONG di Shana Feste

COMMENTO: Una colonna sonora m-e-r-a-v-i-g-l-i-o-s-a per un film noioso. Le quasi due ore di questo film si trascinano stancamente verso un finale scontatissimo senza offrire allo spettatore nulla di interessante a parte le bellissime canzoni. Storia piatta, personaggi piatti, dialoghi piatti. Insomma se non ci fossero le canzoni ci si addormenterebbe dopo 5 minuti. Voto: 5/6

CAST: Gwyneth Paltrow, Tim McGraw, Garrett Hedlund, Leighton Meester, Marshall Chapman, Lari White, Jeremy Childs, J.D. Parker, Lisa Stewar

TRAMA: Kelly Canter, stella della musica country con seri problemi di alcolismo, si unisce al giovane cantautore in ascesa Beau Hutton e a Chiles Stanton - ex reginetta di bellezza trasformata in cantante di successo - per avviare un progetto musicale e tentare di riportare in auge la sua carriera. I tre, accompagnati dal marito di Kelly, James, che funge da manager, partono per un tour in cui si alterneranno concerti e situazioni romantiche, anche se i fantasmi del passato sono sempre in agguato...

TAGLINE: It doesn't matter where you've been as long as you come back strong.

venerdì 11 novembre 2011

Questo sarà un bel fine settimana per diversi motivi: in primis ci sono le DIMISSIONI di Berlusconi. Dopo tanta agonia l'Italia potrà tornare a respirare e ad avere un minimo di credibilità. Basta buffoni e pervertiti, ora si dovrà davvero fare sul serio! Con l'uscita del Berlusca assisteremo (lo stiamo già vedendo) allo sgretolamento di quel partito sorretto solamente dagli assegni che Silvione distribuiva con abbondanza (quasi come il suo seme). Oltre al discorso politico, in questo fine settimana, andrò in libreria per accaparrarmi le mie copie di 22/11/'63 (che dicono essere meraviglioso) e 1Q84. Poi ci sarà anche il GP di Formula 1, ma questa sarà un punto negativo. Belli & Brutti...
BUON FINE SETTIMANA!!!!

giovedì 10 novembre 2011

PEARL JAM TWENTY di Cameron Crowe

COMMENTO: Non sono un fan dei Pearl Jam ma devo dire che Cameron Crowe riesce benissimo a ricostruire i 20 anni della band. Belle le interviste, immagini storiche ma quello che più mi ha colpito è il fatto che attraverso la storia dei Pearl Jam Crowe ricostruisce anche tutto il "movimento musicale" di Seattle degli anni '90 (quello dei Nirvana, dei Soundgarden, ecc.) e piano piano ci accompagna a vedere come, arrivando ai nostri giorni, la musica è cambiata e purtroppo, a mio avviso, peggiorata.

TRAMA: Il documentario rievoca la ventennale carriera della rock band statunitense Pearl Jam.

mercoledì 9 novembre 2011

STEVE JOBS di Walter Isaacson

COMMENTO: Il commento verrà diviso in 3 parti.
PARTE UNO - IL LIBRO:
Allora, il libro pur essendo di 600 pagine è davvero godibilissimo e mai annoiante. Isaacson ha uno stile scorrevole e piacevole e riesce ad entrare in tutte le sfaccettature di Jobs. Un particolare merito di questa biografia è che non punta ad incensare ma mette in luce tutti gli aspetti di Jobs, anche quelli negativi.
PARTE DUE - IL GENIO:
Jobs è stato una delle persone più influenti degli ultimi 30 anni. Ha creato Apple, ha creato Pixar, ha reso le tecnologie un materiale di consumo. Jobs non ha inventato nulla di nuovo ma la sua visione era quello di creare opere d'arte e ci è riuscito: Mac, iPod, iPad, iPhone, i film Pixar... ogni prodotto uscito dalle sue mani è davvero un'opera d'arte, meravigliosa, funzionale. Jobs aveva la visione di rendere la tecnologia una cosa bella e desiderabile e ci è riuscito alla perfezione. Non si è mai arreso davanti a nulla, ha perseguito la sua visione fino alla fine.
PARTE TRE - L'UOMO:
Questo è un discorso piuttosto delicato... Jobs era sì un genio, un visionario, quasi un guru tecnologico ma era anche un perfetto STRONZO! Sicuramente ha avuto un'infanzia difficile e questo ha contribuito ma questo non giustifica tutte le mille stronzaggini che ha fatto. Il suo carattere impossibile, il suo modo di trattare le persone, il suo distruggere chi non la pensava come lui, il suo doppiogichismo... insomma Jobs era veramente un uomo di merda (basti pensare al fatto che per anni non ha voluto riconoscere sua figlia).
CONCLUSIONI:
E come avrebbe detto Jobs, prima di chiudere i keynote lanciando la sua nuova meraviglia tecnologica, One more thing: Jobs il guru teconologico è stato un Dio ma Jobs uomo era da disprezzare. Il libro è davvero ottimo e presenta questi due aspetti in modo fantastico.


TRAMA:
Il giorno di Capodanno del 2009 Walter Isaacson riceve una lunga telefonata da Steve Jobs, con il quale già alcuni anni prima era nato il progetto di una biografia. Il creatore di Apple insiste sul fatto che è arrivato il momento di raccontare la sua vera storia: "Ho fatto tante cose di cui non sono fiero ma non ho scheletri nell'armadio che non possano essere mostrati e penso che tu sia bravo a far parlare le persone". Oltre a raccontare a lungo in prima persona, Steve invita quindi Isaacson a contattare le persone che hanno attraversato la sua vita, nel bene e nel male: il risultato è un eccezionale racconto e un documento unico sulla storia di Steve Jobs e di Apple. Dall'infanzia, insieme alla famiglia adottiva, all'adolescenza a Cupertino, tra i pionieri dell'informatica, dai mesi passati in India alla ricerca del lato filosofico e spirituale della vita alla fondazione di Apple con l'amico Steve Wozniack, dal successo commerciale all'uscita temporanea dall'azienda, dal boom planetario nell'ultimo decennio alla verità sulla sua malattia, la storia di un imprenditore la cui passione per la perfezione e il carisma unico hanno rivoluzionato per sempre l'industria della comunicazione e della tecnologia. La storia vera di Steve Jobs, l'uomo che ha cambiato il modo di lavorare e di pensare di milioni di persone.

E adesso, per favore...

ANDATE TUTTI A ZAPPARE LA TERRA!!!

martedì 8 novembre 2011

Votanti - NON VOTANTI 308-321: E ora...

E con l'uscita odierna dei due superattesissimi nuovi romanzi di Stephen King e di Haruki Murakami (che ancora non ho sul comodino ma è questione di pochi giorni) è terminata la lunga settimana di uscite editoriali. Sul comodino ho già Faletti, Baricco, Kinsella e D'Avenia (anche se questo lo ha già in lettura mia moglie) e presto arriveranno anche i due tomazzi 22/11/'63 e 1Q84. Ora devo solo finire la biografia di Steve Jobs che sto leggendo e poi mi potrò immergere in uno dei periodi di letture più interessante da molto tempo a questa parte (ben 6 libri di autori che adoro). Quindi rimanete sintonizzati su questo blog se volete avere le mie impressioni.

lunedì 7 novembre 2011

UN ANNO DA RICORDARE di Randall Wallace

COMMENTO: Un classico film Disney per le famiglie: buoni sentimenti, qualche lacrimuccia, vincono i buoni. Ma fortunatamente Wallace confeziona il tutto in modo piuttosto azzeccato. C'è la brava Lane, c'è lo spettacolare Malkovich, ci sono ottime riprese (sopratutto le corse sono entusiasmani), c'è una colonna sonora discreta e non melensa... insomma mi aspettavo un film trito e palloso, invece mi sono ricreduto! Voto: 7

CAST: Diane Lane, John Malkovich, Dylan Walsh, Margo Martindale, Nelsan Ellis, Otto Thorwarth, Fred Dalton Thompson, James Cromwell, Scott Glenn

TRAMA: Penny Chenery, tranquilla madre e casalinga, si trova improvvisamente catapultata nel mondo dei cavalli di razza quando riceve in eredità Meadows Stables, il ranch in Virginia che suo padre, gravemente malato, non può più dirigere. La donna ha una conoscenza alquanto limitata del mondo equestre, per questo decide di avvalersi dell'aiuto dell'esperto addestratore Lucien Laurin. Il sodalizio tra i due porterà Penny a primeggiare in un mondo dominato dagli uomini, arrivando addirittura a vincere l'ambito titolo della Triple Crown con Secretariat, il cavallo da corsa più noto di tutti i tempi.

TAGLINE: Un'impossibile storia vera

domenica 6 novembre 2011

THE TREE OF LIFE di Terrence Malick

COMMENTO: Per mostrarci l'albero della vita Malick si "traveste" da Kubrick (quello di 2001: Odissea nello spazio). L'opera è davvero ambiziosa e se tecnicamente è spettacolare (sia a livello visivo che nella meravigliosa colonna sonora) e il cast è monumentale (la Chastain è una splendida sorpresa e Pitt una granitica certezza) il film però spiazza. La lentezza, la quasi totale assenza di dialoghi e la visionarietà lo rende particolarmente difficile. Il film è davvero bello, poetico e struggente ma è ostico e questo alla fine è il difetto principale. Voto: 7 1/2

CAST: Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain, Hunter McCracken, Laramie Eppler, Tye Sheridan, Fiona Shaw, Jessica Fuselier, Nicolas Gonda

TRAMA: Da piccolo, Jack aveva una concezione idilliaca del mondo, conosciuto soprattutto attraverso gli occhi di sua madre, una donna che credeva nel rispetto e nell'amore verso il prossimo. Tuttavia, crescendo Jack si è trovato ad affrontare la dura realtà della vita, che di idilliaco ha ben poco, come gli ha invece sempre insegnato suo padre. Da adulto, Jack diventerà consapevole che ogni esperienza vissuta fa parte di un grande miracolo, prezioso e incomparabile, messo in atto per renderci parte di uno schema che si perpetua nel mondo da millenni...

CITAZIONE: "...aiutatevi tra voi... amate tutti... ogni foglia... ogni raggio di luce... perdonate!"

venerdì 4 novembre 2011

Olà Hombres... siamo giunti al venerdì. Questa settimana sono usciti una marea di libri nuovi (D'Avenia, Baricco, Faletti, Kinsella) e bisognerà pianificare una visita alla libreria. Poi la settimana prossima sono attessissimi due libricini (!) da 700/800 pagine l'uno: Murakami e King!!!
Domenica si corre l'ultimo GP di MotoGP, il primo senza SUPERSIC... tutti i piloti e tutto il mondo delle due ruote lo omaggeranno come merita. Il 58 sarà ovunque.


BUON WEEKEND!!!

giovedì 3 novembre 2011

LONDON BOULEVARD di William Monahan

COMMENTO: Bello ma non del tutto convincente questo esordio alla regia dello sceneggiatore di "The Departed". Ottime le interpretazioni di Farrell, Thewlis e Knightley, bellissima fotografia e meravigliosa la colonna sonora. Quello che non convince appieno è la storia (a tratti una pallida fotocopia di Carlito's Way) e la mancanza di coraggio da parte di Monahan nelle scene di violenza. Se fosse finito nelle mani di un De Palma o di uno Scorsese sarebbe potuto essere un capolavoro, nelle mani di Monahan resta un onesto thriller senza grandi spunti. Voto: 6 1/2

CAST: Colin Farrell, Keira Knightley, David Thewlis, Anna Friel, Ben Chaplin, Ray Winstone, Eddie Marsan, Sanjeev Bhaskar, Stephen Graham

TRAMA: Tornato in libertà dopo alcuni anni trascorsi in carcere, Mitchell, in cerca di un lavoro, accetta la proposta di un amico: sarà il bodyguard di Charlotte, un'attrice bellissima e solitaria. Per lui inizia una nuova vita fatta di lusso, macchine potenti, sesso e forse anche amore. Ma non si può sfuggire al proprio passato...

TAGLINE: Non tutti i criminali scelgono di esserlo.