giovedì 31 dicembre 2009

BARNYARD - IL CORTILE di Steve Oedekerk

COMMENTO: Non è un gran che questo film d'animazione... Oedekerk, già regista di Ace Ventura, si cimenta nella regia di un cartone ma una sceneggiatura piuttosto deboluccia e personaggi non molto divertenti non lo aiutano a farne un bel film. Le scene più belle sono quelle delle feste in cui gli animali della fattoria si cimentano in canti e balli davvero sapssosi. Voto: 6+

TRAMA: Quando il fattore non c'è o si ritira in casa, gli animali della fattoria si divertono a ballare, cantare e fare scherzi ai malcapitati esseri umani che si trovano nei paraggi. Il più vivace di tutti è il vitello Otis, spensierato, festaiolo e completamente disinteressato agli insegnamenti ricevuti dal padre Ben - patriarca della fattoria e garante della sicurezza - e dal vecchio e saggio mulo Miles. Tuttavia, quando l'anziano Ben non è più in grado di tenere sotto controllo e, soprattutto, di proteggere gli animali della fattoria dall'attacco dei coyote, Otis, messo di fronte alle proprie responsabilità, troverà in sé il coraggio e la determinazione che nessuno avrebbe mai creduto potesse avere, lui per primo.

CITAZIONE: "Chi è forte è capace di difendersi da solo. Chi è più forte deve difendere gli altri".

E' tempo di classifiche!

Siamo arrivati a fine anno e quindi siamo prontissimi a stilare le classifiche dei libri e dei film che più mi sono piaciuti...

Partiamo con i 15 libri più belli letti:

Quello era l'anno
di Dennis Lehane
Saltatempo di Stefano Benni
La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo di Audrey Niffenegger
The Dome di Stephen King
Invisible di Paul Auster
Il tempo che vorrei di Fabio Volo
Emmaus di Alessandro Baricco
Noi di Walter Veltroni
La trilogia di Millenium di Stieg Larsson
Sotto un cielo cremisi di Joe Lansdale
Despero di Gianluca Morozzi
L'era del porco di Gianluca Morozzi
Donne di Charles Bukowski
La scomparsa dell'Erebus di Dan Simmons
Dalia Nera di James Ellroy


E ora passiamo ai 10 film più belli visti nel 2009:

Il cavaliere oscuro
Lettere da Iwo Jima
Gran Torino
Il curioso caso di Benjamin Button
The Millionaire
WALL-E
The Wrestler
La felicità porta fortuna
Si può fare
State of play

mercoledì 30 dicembre 2009

Ieri sera dopo 5 MESI sono riuscito a vedere un film (e che film!) che non fosse un film d'animazione... sarà una cosa piccola ma sono soddisfazioni!

martedì 29 dicembre 2009

I FIGLI DELLA LIBERTA' di Marc Levy

COMMENTO: Levy dopo tanti romanzi sentimentali si cimenta con una storia vera, quella di un gruppo di giovani appartenenti alla resistenza francese (di cui hanno fatto parte suo padre e suo zio). Nella prima parte ci racconta le vicende della vita nella resistenza, e nella seconda parte ci porta su un treno destinato ai campi di concentramento. Una bellissima e agghiacciante storia, che purtroppo sappiamo essere vera, raccontata in modo magistrale da un Levy in piena forma. Una narrazione incalzante e uno stile impeccabile ne fanno un libro davvero imperdibile.

TRAMA: Non hanno ancora vent'anni. Si chiamano Claude, Charles, Boris, Damira, Marius, Rosine, Jeannot. Sono spagnoli, polacchi, italiani, rumeni. Hanno la pancia vuota e la testa piena dei sogni e delle inquietudini dell'adolescenza. Nella Francia occupata della Seconda guerra mondiale vivono nell'ombra e nella paura, esuli, orfani e perseguitati in un mondo caduto preda della barbarie e della violenza. Sono i ragazzi della 35a brigata, i figli della libertà. Questa è la loro storia, la Storia di tutti noi. È fatta del loro coraggio e della loro incoscienza, dei loro amori e delle loro avventure, della loro farne di futuro e giustizia. E del sacrificio di quanti hanno saputo sfidare la morte per affermare il diritto di ognuno a esistere e amare. In un romanzo terso e commovente Mare Levy fa rivivere la straordinaria epopea di suo padre Raymond e dei suoi compagni. Celebrando, con la fede assoluta nella purezza dei sentimenti che da sempre vive nella sua scrittura, il senso universale di una storia d'amore che attraversa le generazioni.

STATE OF PLAY di Kevin Macdonald

COMMENTO: Un monumentale Russel Crowe, supportato da un cast eccezionale (su tutti la magnifica Helen Miren) ci offre un'interpretazione memorabile di un giornalista alle prese con una storia politica che sfocia nel thriller. Macdonald ci offre un nuovo "Tutti gli uomini del presidente" aggiornandolo ai giorni nostri. Un ottimo film che va assolutamente visto! Voto: 7/8

CAST: Russell Crowe, Ben Affleck, Rachel McAdams, Helen Mirren, Robin Wright Penn, Jason Bateman, Jeff Daniels

TRAMA: Stephen Collins, membro del congresso statunitense, vede compromessa la sua carriera politica a causa dell'omicidio della sua amante. Un gruppo di giornalisti decide di avviare un'inchiesta sul triste avvenimento e tra loro figura anche Cal McCaffrey, un ex collaboratore di Collins.

CITAZIONE: "I bravi giornalisti non hanno amici, ma solo fonti"

lunedì 28 dicembre 2009

GIU' PER IL TUBO di David Bowers e Sam Fell

COMMENTO: Un film ben scritto e ottimamente diretto che offre momenti di divertimento puro. La Aardman dimostra tutta la sua potenzialità in un'opera gustosa adatta a grandi e piccini, piena di citazioni, situazioni avventurose e battute divertenti. Voto: 7 1/2

TRAMA: Roddy è un sofisticato topo di Kensington. Un giorno, da un rubinetto dell'elegante appartamento dove abita Roddy schizza fuori Syd, un sudicio topo di fogna che vede realizzato il sogno di una vita: abitare finalmente in un posto di classe. Roddy ovviamente non è d'accordo nel dare il benvenuto al nuovo coinquilino, così decide di rimandarlo a casa attirandolo in una trappola di cui rimane vittima egli stesso. Ed è così che dal lusso di Kensington il povero Roddy si ritrova nell'umile e sporco mondo di Ratropolis. Qui incontra Rita, una topolina che solca i canali delle fogne a bordo del suo battello, cui il topo disperato chiede aiuto per tornare a casa. Tuttavia c'è qualcuno che non ha nessuna intenzione di permettere l'uscita di Roddy e Rita dalle fogne: il malvagio Rospo...

CITAZIONE: "Credevi davvero che non avrei riconosciuto un gabinetto?! Tu volevi scaricarmi nel cesso!!!"
Come da figura... CHE DUE PALLE, sono già al lavoro e purtroppo quanto lavoro! Vabbè... vacanze tragiche... il giorno 24, alle ore 19, poco prima di uscire per il classico cenone della vigilia con il resto della famiglia, Alle decide che il virus gastrointestinale che ha in corpo deve iniziare il suo lavoro... pertanto le ore successive sono a raccogliere vomito sparso per casa e alle ore 21:30 la famiglia decide di andare a dormire!!!!! Va da se che il virus è stato passato alla mogliettina (2 giorni di forti nausee ma fortunatamente niente vomito)... Saranno stati giorni felici?!?!?!?!

venerdì 25 dicembre 2009

NON SI ESCE VIVI DALI ANNI '80 di Omar Fantini

COMMENTO: Per chi come me è nato negli anni '70 e ha vissuto la sua giovinezza negli anni '80 è un libro che NON PUO' MANCARE! Un libro pieno di ricordi che fa letteralmente PISCIARE ADDOSSO dal ridere!

TRAMA: Perché i trentenni di oggi hanno la mania dell'lkea? Tutta colpa di MacGyver, l'uomo pettinato come Solange che con uno stuzzicadenti riparava un'astronave. Così come Wonder Woman ha segnato nel profondo le donne superattive di adesso, quelle che, dopo una giornata di riunioni internazionali e bimbi da gestire, le chiama pure Dio per chiedere un consiglio. La tesi di questo libro è che telefilm ("Arnold", "Chips" con Poncherello, "Hazzard" con Bo e Luke e la cugina Daisy), cartoni animati ("i Puffi", "Holly e Benji", "Kiss me Licia") e oggetti di culto (il cubo di Rubik, il dolceforno Harbert e il pallone Supertele) abbiano inciso il loro marchio su una generazione intera.

INVISIBLE di Paul Asuter

COMMENTO: Non è il miglior libro di Auster (come recita la quarta di copertina) ma poco ci manca. Un bellissimo romanzo con una struttura alquanto insolita ma efficace. La scrittura di Auster è come sempre meravigliosa e avvolgente e il romanzo scivola via che è una bellezza! Un romanzo sull'uomo e sulla ricerca, un romanzo in cui il lettore può dare la propria interpretazione perchè Auster non ti da nessuna soluzione, te la devi fare tu... e forse è proprio questo il senso del titolo Invisible... tutto è invisibile, non c'è una chiarezza certa, devi decidere tu qual'è stata la vera storia di Walker

TRAMA: Adam Walker ha vent'anni, studia letteratura a New York; la sua unica aspirazione è diventare poeta. Nel 1967, durante una festa, conosce l'enigmatico professore parigino Rudolf Born e la sua seducente fidanzata, Margot. Tra Adam, Rudolf e Margot si instaura immediatamente uno strano legame: Rudolf sembra aver preso in simpatia il giovane aspirante poeta e dice di voler finanziare una rivista letteraria che Adam dovrà ideare e curare. Adam prova una forte attrazione per Margot e quando Rudolf si assenta per una settimana, Adam e Margot si incontrano e si abbandonano a cinque giorni di sesso. Scoperto il tradimento, Rudolf caccia Margot, ma non mostra risentimento nei confronti di Adam. Una notte, durante una passeggiata nel parco con Adam, Rudolf uccide con una violenza inaudita un giovane e sprovveduto rapinatore e si dilegua, per poi tornare precipitosamente in Francia, lasciando solo Adam, pieno di sensi di colpa e consapevole di aver vissuto un'esperienza che lo segnerà per sempre. Arrivata l'estate, Adam ospita per un mese la sorella Gwyn, con cui durante la prima adolescenza aveva vissuto un episodio incestuoso. I fratelli non ne avevano mai riparlato, ma trovandosi per la prima volta in una casa da soli, provano di nuovo l'attrazione che li aveva uniti e vivono una passione travolgente.

BUON NATALE

mercoledì 23 dicembre 2009

TRADIMENTO!

Michael Schumacher, l'uomo che ha riportato grande la rossa, l'uomo che promise eterno amore ed eterna fedeltà alla Ferrari ha firmato un contratto di un anno per correre la stagione 2010 con la Mercedes.
E' dura da digerire una cosa del genere perchè ormai Schumacher era uno della famiglia Ferrari e sarà molto strano vederlo con una tuta (e su una macchina) non di colore rosso.
Io gli auguro di poter tornare ad essere un campione ma per me questo è un vero...
TRADIMENTO!

martedì 22 dicembre 2009

"Arrivo nel miglior team del mondo, la Ferrari, nel miglior momento della mia carriera... In questo momento mi sento come non mi sono mai sentito prima d'ora. È il mio miglior momento, come pilota e come persona... Mi accorgo di essere più maturo e tutto sta andando per il meglio, spero che tutto questo si trasformi in successi per me e in un titolo da poter dividere con l'Asturia e tutta la Spagna" (Fernando Alonso)

...sarà ma io ho parecchi dubbi. Da quando se ne sono andati i vari Schumacher, Todt, Byrne, Brawn la Rossa ha faticato o, vedi questa stagione, ha completamente fatto cagare. In più da quest'anno non c'è più neppure Simon... io la vedo parecchio nuvolosa la faccenda e credo che la stagione 2010 sarà molto molto avara.

venerdì 18 dicembre 2009

COME RAPINARE UNA BANCA SVIZZERA di Andrea Fazioli

COMMENTO: Questo libro mi ha incuriosito fin dalla sua uscita e alla fine mi sono deciso a prenderlo ma... è stata una delusione. Il libro non decolla se non alla fine. Certo si legge ma non decolla mai veramente.

TRAMA: Come mai un rapinatore pentito, un detective privato e alcuni distinti borghesi sono coinvolti nel progetto della più sofisticata rapina a una banca svizzera? E di nuovo Elia Contini, l’investigatore ticinese già protagonista di L’uomo senza casa, finisce nei guai.
Al suo fianco, c’è Jean Salviati, ladro a riposo che riprende in mano i ferri del mestiere per salvare la figlia in pericolo. Inguaribile giocatrice di casinò, la figlia è infatti scivolata nella rete di un losco e ambizioso avventuriero che ha messo gli occhi su una favolosa transazione di denaro. Anche in tempi di turbolenze finanziarie, una banca svizzera resta sempre sinonimo di forziere ben riem pito e ben custodito. Svaligiarne una esige dal rapinatore la stessa precisione diligente e metodica applicata dai banchieri elvetici nella difesa della propria sicurezza: un piano dall’architettura raffinatissima, costruito come un puzzle geniale.
Situazione sempre di me**a - STOP
Prossima settimana uguale - STOP
Sto sclerando di brutto brutto! - STOP

... a tutti...
BUON WEEKEND!

mercoledì 16 dicembre 2009

Ormai sono al limite... STO IMPAZZENDO!!!! Il lavoro non mi da un attimo di tregua e arrivo a casa stremato desideroso solo di un letto ma i figlioletti non lo permettono! Vabbè, la vita è così e non voglio lamentarmi troppo, c'è gente che sta molto peggio!!!! In questi giorni leggo (a singhiozzo) Come rapinare una banca svizzera. Non mi sta prendendo molto... di altro da raccontare non ne ho, pertanto... buon pomeriggio, buona sera e buona notte!

sabato 12 dicembre 2009

L'ISOLA DEI PIRATI di Michael Crichton

COMMENTO: L'ultimo romanzo di Crichton "ritrovato" nel suo computer è un'opera che a mio parere Crichton non aveva ancora finito completamente. Sembra quasi uno scheletro a cui lo scrittore voleva lavorare ancora. La storia di base c'è, i personaggi anche ma l'impressione è che certe parti non fossero del tutto complete. Potenzialmente poteva essere un gran libro, così è un romanzo leggibile ma senza infamia e senza lode.

TRAMA: 1665. La Giamaica, remoto avamposto della corona britannica nel cuore dei Caraibi, è circondata dalle potenti colonie spagnole. I vicoli della sua capitale, Port Royal, sono popolati di avventurieri, tagliagole e donne di malaffare, in cerca di fortuna tra le taverne e il molo. Nella calura tropicale è difficile sopravvivere e troppo facile morire, tra malattie, vendette e regolamenti di conti. L’oro che gli spagnoli mandano dal Nuovo al Vecchio Mondo è una tentazione irresistibile, soprattutto per lo spregiudicato capitano Charles Hunter. Del resto, la legge inglese protegge i corsari che riescono a farla franca... La voce che gira nel porto è sempre più insistente: nel porto di un’isola vicina, Matanceros, è ancorato il galeone El Trinidad, che deve portare il suo tesoro verso la Spagna. La rada è protetta da un forte inespugnabile, sotto la stretta sorveglianza del sadico capitano Cazalla. L’oceano è pattugliato dalla flotta spagnola, la giungla di Matanceros è impervia e fittissima, la fanteria e l’artiglieria spagnole sono all’erta. Ma non basta per fermare l’ambizioso Hunter, che sceglie a uno a uno i membri del suo equipaggio e architetta un piano diabolico.

venerdì 11 dicembre 2009

BUON
FINE SETTIMANA

martedì 8 dicembre 2009

L'ORDINE DELLA LUCE di Eric Van Lustbader

COMMENTO: Un onesto thriller di uno dei miei autori favoriti. Non è nulla di trascendentale ma trama e narrazione sono ben costruite. La storia prende da subito e il ritmo è piuttosto incalzante... insomma tutto a regola d'arte per un sano thriller che offre ore di lettura disimpegnata!

TRAMA: Non si può dire che Jack McClure abbia avuto una vita facile: prima la fuga dal padre violento, l'adolescenza allo sbando nelle strade di Washington, la dislessia a farlo sempre sentire diverso. E poi la morte della figlia adolescente, Emma, e il fallimento del suo matrimonio. Eppure, è uno dei migliori detective sulla piazza, e proprio il suo handicap si è rivelato nel tempo il suo principale punto di forza, dandogli capacità intuitive superiori alla media. Non a caso, quando viene rapita Alli Carson, figlia diciannovenne del futuro presidente, è proprio quest'ultimo a chiedere che McClure affianchi i servizi segreti nelle ricerche. Mentre si delinea una netta spaccatura tra il governo uscente, profondamente conservatore e religioso, e la linea più progressista promessa da Carson, sembra che il primo voglia sfruttare la vicenda di Alli per dichiarare guerra a un'associazione anticlericale, detta Ordine della Luce, su cui si concentrano le indagini dei servizi segreti.

venerdì 4 dicembre 2009

IL TEMPO CHE VORREI di Fabio Volo

COMMENTO: Un Volo che non ti aspetti... Fabio questa volta ci delizia con un romanzo veramente bello, un libro intenso, divertente ed introspettivo. Come al solito il suo stile "parlato" acchiappa subito e i personaggi sono caratterizzati benissimo. Volo dosa benissimo le parti leggere e le parti serie e lo stile è assolutamente godibilissimo. Un libro non da divorare ma da assaporare lentamente.

TRAMA: Ci sono padre e figlio su un treno, non si sa per dove né perché. Il figlio ha l'età dell'autore, e non è questa l'unica somiglianza. In treno, si sa, è facile perdersi nei pensieri. E allora il figlio pensa, e ricorda. Un'infanzia fatta di fantasie assurde, le stesse che passano per la testa a quasi tutti i bambini. Un amore finito male. L'amicizia, la malattia, il lavoro, il riscatto sociale. Ma il figlio pensa al padre, soprattutto.
YAHOO!!!! Finalmente è venerdì e questo è un venerdì un po' speciale perchè lunedì farò un magnifico ponte... quindi mi attendono 4 giorni di relax per cercare di ricaricare le pile!!!!


A TUTTI AUGURO UN BUON WEEKEND
... ci risentiamo mercoledì...

domenica 29 novembre 2009

UN'INQUIETANTE SIMMETRIA di Audrey Niffenegger

COMMENTO: E' dura dover parlare di questo romanzo perchè dopo aver letto e adorato il precedente "La moglie dell'uomo che viaggiava nel tempo" le mie aspettative per il nuovo libro della Niffenegger erano altissime e sinceramente sono state parecchio deluse. Il romanzo in se non è malaccio ma l'autrice in questo libro butta dentro troppa roba e sopratutto l'ho trovato un po' troppo pieno di situazioni improponibili e tirate per i capelli. I personaggi poi non riescono a risultare simpatici (a parte il buon Martin). La narrazione passa da momenti in cui non accade nulla (risultando noioso) a momenti in cui tutto avviene in poche pagine (risultando caotico). E poi... e poi manca assolutamente di magia. Il precedente della Niffenegger era un libro pieno di magia, in questo nulla... forse se non avessi letto il primo mi sarebbe piaciuto, ma dopo il precedente capolavoro questo rimane molto insipido!

TRAMA: Le due gemelle Julia e Valentina conducono l'esistenza protetta eppure piena di interrogativi tipica degli adolescenti americani. Un giorno ricevono una misteriosa missiva indirizzata loro dalla zia materna Elspeth. gemella a sua volta della loro madre e mai conosciuta. Dalla lettera apprendono della morte della misteriosa zia e di avere ereditato il SUO appartamento londinese, a una condizione però: che accettino di viverci per un anno, dandosi il tempo e il modo di conoscere finalmente una parente così prossima eppure mai incontrata prima. Dopo mille tentennamenti i genitori delle due ragazze danno il loro assenso. Quello che Julia e Valentina troveranno ad attenderli è un bizzarro e affascinante appartamento prospiciente il suggestivo cimitero di Highgate, in un palazzo abitato da curiosi personaggi che conoscevano assai bene la zia. Elspeth dal canto suo è tutt'altro che scomparsa, e ben presto comincia a dare inquietanti segnali della sua presenza all'interno della casa, segnali a cui Valentina è particolarmente sensibile.

venerdì 27 novembre 2009

L'immagine a fianco restituisce il mio stato in questo preciso momento... sono le 18:30 e mi appresto a catapultarmi fuori dall'ufficio che mi ha "tenuto prigioniero" per tutta la settimana. Non so cosa farò in questi due giorni ma sinceramente non me ne può fregare di meno... l'importante è che per ben due giorni non vedrò scrivanie, appunti, computers e non riceverò telefonate. Quindi se anche voi siete nel mio stato, vi auguro un BUON FINE SETTIMANA!

mercoledì 25 novembre 2009

CIAO ARMIN

MERDA! MERDA! MERDA! L'ho saputo solo oggi ma la notizia è tristissima per noi vecchi amanti del Commodore 64. L'8 novembre è morto un altro grandissimo coder del C64, ARMIN GESSERT. Armin è stato il creatore di quel capolavoro di The Great Giana Sisters. Ricordo le ore e ore passate a giocare al mitico Giana.

CIAO ARMIN
RIPOSA IN PACE
Mamma mia che palle... mi scuso per l'immagine a fianco un po' volgarotta ma è quella che più rappresenta il mio stato attuale. Sono veramente stanco & stressato e pensare che, come se non bastasse il superlavoro, il fatto che a Natale non farò ferie, che faccio tutti i giorni più di un'ora di straordinario il capo l'altro giorno mi fa: "Per il nuovo programma... dovbresti andare il 21 e 22 dicembre a Bari a fare istruzione agli agenti della zona". Ecco allora spiegata la bellissima immagine che ho scelto per voi.
A parte tutto questo... in questo periodo non ho un ca$$o da scrivere perchè sono troppo impegnato per vivere una vita normale e quindi in questi giorni vi dovrete accontentare di pochi messaggi e tutti di sfogo personale.

martedì 24 novembre 2009

domenica 22 novembre 2009

SE POTESSI RIVEDERTI di Marc Levy

COMMENTO: Questo è il seguito di Se solo fosse vero e come nel 90% dei seguiti è inferiore all'originale. Manca secondo me la poesia e la magia del primo ma comunque rimane un libro godibile. Scoprire cosa è successo dopo il "risveglio" di Lauren è intrigante e ristrovare alcuni "vecchi amici" è sicuramente eccitante. Il romanzo scorre benissimo (l'ho letto in un paio di giorni) ed è scritto bene ma mancano, come detto prima, alcune cose e alcune situazioni sono un po' tirate per i capelli. Rimane comunque una lettura piacevolissima.

TRAMA: Arthur è un architetto, Lauren una giovane internista di neurochirurgia. Una sera d'inverno, a San Francisco, si incontrano nell'appartamento di Arthur... solo che Lauren è un fantasma. In coma dopo un incidente stradale, il suo corpo giace in ospedale; il suo spirito, vitale e affascinante, si innamora di Arthur, l'unico che può vederla. Proprio quando il sentimento sbocciato tra i due si trasforma in un legame profondo, i medici decidono che è giunto il momento di staccare il respiratore. Il romanzo è ambientato qualche anno dopo: Lauren è uscita dal coma e prosegue il suo internato; Arthur è andato in Francia per dimenticarla, ma deve tornare a San Francisco per lavoro.

venerdì 20 novembre 2009

IL SIMBOLO PERDUTO di Dan Brown

COMMENTO: Parliamoci chiaro: Dan Brown è uno scrittore di thriller e così secondo me va letto. Tutto il clamore religlioso attorno al Codice erano pippe mentali di persone che non hanno capito cos'è la narrativa e cos'è un romanzo di fantasia. Ebbene, tornando a questo libro devo dire che è un buon thriller. Brown non sarà uno scrittore eccelso come stile ma scrive buoni thriller (a parte Angeli e Demoni) e questo Simbolo Perduto non è da meno. Forse è un po' troppo lungo, forse Langdon è un po' troppo "geniale", forse il finale è tirato un po' troppo per le lunghe ma il libro si legge bene, scivola via liscio e ha il pregio di tenerti attaccato alle pagine. Insomma, non si grida al capolavoro ma offre ore di piacevole lettura.

TRAMA: L'esperto di simbologia di Harvard, Robert Langdon, viene chiamato a sorpresa come conferenziere al Campidoglio. In pochi istanti, però, la serata prende una piega bizzarra: Langdon assiste al ritrovamento di un misterioso manufatto, decorato con cinque simboli. Langdon capisce che l'oggetto è un invito a seguire le tracce del mondo perduto della saggezza esoterica. Quando il suo amato maestro Peter Solomon - importante membro della Massoneria nonché filantropo - viene brutalmente rapito, Langdon realizza che l'unica speranza di salvare Peter è di accettare l'invito dell'oggetto misterioso e seguirlo ovunque lo porti. Langdon si ritroverà immediatamente immerso in un mondo clandestino di segreti Massonici che sembrano trascinarlo verso una sola, inconcepibile verità. 'Il simbolo perduto' è un capolavoro di narrazione - una corsa mortale attraverso un vero labirinto nel mondo dei codici, dei segreti e delle verità invisibili nei templi di Washington, DC.

E anche questa settimana finalmente è terminata. Sono in uno stato di stress pazzesco. A parte il tanto lavoro non ho nulla da segnalare e quindi vi auguro un buon fine settimana e appena ho finito me ne vado a casetta sperando di avere due giorni riposanti perchè devo ricaricare un po' le pile!

martedì 17 novembre 2009

Mamma mia... mi scuso terribilmente per il mio silenzio prolungato ma purtroppo in questi giorni ho ZERO tempo... cambiare gestionale mi sta creando uno stress pazzesco!
A parte tutto... in questi giorni continuo a leggere il discreto libro di Dan Brown, in famiglia siamo alle prese con la solita otite del "grande" e per il resto solo lavorolavorolavoro.

sabato 14 novembre 2009

WALLACE & GROOMIT - LA MALEDIZIONE DEL CONIGLIO MANNARO di Steve Box, Nick Park

COMMENTO: In un mondo di film d'animazione digitale questo film targato Aardman realizzato in stop-motion e tonnellate di plastilina diventa un piccolo gioiellino. Con un'ottima sceneggiatura e ottimi personaggi il film risulta divertente, pieno di gag e di invenzioni strampalate. In un'epoca in cui il digitale regna sovrano (ma spesso usato per mascherare altre pecche) questo film dimostra che quello che realmente conta sono storie valide e buoni personaggi! Voto: 7/8

TRAMA: Il paese di Tottington è in fermento per la fiera dell'ortaggio gigante e sono giorni davvero frenetici per la "S.W.A.T. Antipesto", la squadra per la difesa di zucchine, carote e patate dall'invasione di famelici coniglietti. L'inventore Wallace e il suo fedele cane Gromit sono infatti chiamati a disinfestare la residenza di Lady Tottington, dove avrà luogo la fiera, che ha subito una vera e propria invasione da parte degli insaziabili animaletti. Per risolvere il problema, Wallace inventa un apparecchio molto simile ad un aspirapolvere da infilare nel terreno per risucchiare uno dopo l'altro tutti i piccoli roditori. Tuttavia, una volta catturati, sorge il problema di cosa farne. A suggerire la risposta è Gromit: "Un corso di riabilitazione", un lavaggio del cervello che restituisca al mondo i conigli privati dalla passione per gli ortaggi. Wallace accetta la proposta e inizia la terapia grazie ad una macchina che collega, per mezzo di elettrodi, il suo cervello a quello degli animali. Purtroppo, durante l'operazione gli ingranaggi si inceppano e un coniglietto resta aggrappato alla testa di Wallace: nasce così il primo "coniglio mannaro"...

CITAZIONE: "Un coniglio mannaro? Ah, questa si che è bella! Il parroco deve aver ripreso a bere il vino della comunione".

giovedì 12 novembre 2009

TUTTA UN'ALTRA MUSICA di Nick Hornby

COMMENTO: Se uno si aspettava un nuovo Alta fedeltà potrebbe rimanere deluso ma a me questo nuovo romanzo di Hornby è piaciuto. Il ritmo è scorrevole, i personaggi e le situazioni sono piacevoli e divertenti. Insomma un romanzo godibile anche se nella parte finale Horby la tira un po' per le lunghe senza trovare un finale al livello della prima parte.

TRAMA: Ci sono coppie in perenne calma piatta. Annie e Duncan lo sanno bene. Convivono da quindici anni a Gooleness, torpida cittadina inglese sul mare, e la loro esistenza è scandita da qualche lettura in comune, l'uscita di un nuovo film, ogni tanto un concerto a Londra. Non hanno figli e nemmeno rischiano di averne, vista l'evanescenza della loro vita sessuale. Ma da un po' di tempo Annie prova un impellente desiderio di maternità, mentre Duncan non fa che coltivare la sua unica, ossessiva passione: Tucker Crowe, cantante cult americano sparito dalla scena musicale intorno alla metà degli anni Ottanta. La venerazione per Tucker, condivisa via Internet da qualche centinaio di adepti sparsi per il mondo, assorbe ogni istante delle sue giornate; e Annie comincia a chiedersi che senso abbia continuare una relazione che forse è stata solo una perdita di tempo. In questa quiete inamovibile, a Duncan arriva per posta una versione inedita dell'album più famoso di Tucker. È la scintilla che innesca una serie di eventi inaspettati, che porterà l'insoddisfatta Annie a conoscere Tucker in persona...

Alcune SUCCOSISSIME novità kinghiane

Partiamo dalla prima news ESPLOSIVA: Ci sarà un nuovo romanzo della Torre Nera che sarà incentrato su avvenimenti da collocarsi tra "La sfera del buio" e "I lupi del Calla" e avrà protagonisti alcuni personaggi secondari e anche del mitico OY. La notizia è stata anche confermata dalla moderatrice del forum ufficiale (autorizzata da King in persona):
"Stephen has given me permission to pass along that he has an idea for a new Dark Tower book, the working title of which will be THE WIND THROUGH THE KEYHOLE. He has not yet started this book and anticipates that it will be a minimum of eight months before he is able to begin writing it."

Passando alle altre cose... durante la presentazione di Under the Dome sono venute fuori altre succose novità:
- King said he's always thought there should be a third "eclipse novel" where Jessie Burlingame from Gerald's Game and Dolores Claiborne meet up.
- He said he's always wondered what happened to Danny Torrance, that he'd be about 40 by now, and so would Charlie McGee from Firestarter, and maybe they could meet up and...
- King said he thinks The Under the Dome is being developed as a miniseries for HBO.
- He did reaffirm that a third Talisman novel will be written with Peter Straub.

...e io che mi stavo chiedendo cosa lo zio Steve ci avrebbe riservato per il futuro...

domenica 8 novembre 2009

EMMAUS di Alessandro Baricco

COMMENTO: Probabilmente il libro più introspettivo di Baricco e sopratutto il più profondo. Baricco ci accompagna e ci costringe a riflettere sulla fede, sul peccato e su come una compagnia di quattro amici adolescenti che frequentano questo mondo vive la propria vita e sopratutto vive il senso del peccato, dei primi "pruriti" sessuali, dei primi problemi di crescita e come vengono affrontati nel rapporto con Dio e la Chiesa. Personaggi bellissimi e una storia densa di pensieri profondi che costringono sia i credenti ma anche quelli che non credono a meditare su certe situazioni. Un libro, insomma, che ci pone delle domande e ci costringe a tirarci fuori delle risposte perchè Emmaus è un libro che non può lasciarci indifferenti.

TRAMA: "Abbiamo tutti sedici, diciassette anni – ma senza saperlo veramente, è l’unica età che possiamo immaginare: a stento sappiamo il passato”.

sabato 7 novembre 2009

PANE E TEMPESTA di Stefano Benni

COMMENTO: Il lupo non azzanna in questo nuovo romanzo. Ho trovato Pane e Tempesta un po' fiacco. Benni crea i soliti "magici" personaggi ma la storia di fondo mi è sembrata un po' tirata per i capelli. Ci sono alcuni (pochi) momenti di alta classe, per il resto si trascina senza i picchi di eccelleza a cui Benni ci ha abituati. Si legge, ma non è tra i migliori di benni.

TRAMA: Quali sono le ventisette azioni dell’uomo civile? Lo scoprirete a Montelfo, il paese più magico e fantastico del mondo. In un romanzo di sfrenata comicità. Stefano Benni monta un grande circo di creature indimenticabili: il Nonno Stregone, Ispido Manidoro, Trincone Carogna, Sofronia e Rasputin, Archimede detto Archivio, Frida Fon, lo gnomo Kinotto, il beato Inclinato, Simona Bellosguardo, il gargaleone e il cinfalepro, Fen il Fenomeno, Piombino, Raffaele Raffica, Alice, don Pinpon e don Mela, Zito Zeppa, la Jole, Gino Saltasù, il sindaco Velluti, Ottavio Talpa, Bubba Bonazzi, Bum Bum Fattanza, Nestorino e Gandolino, Sibilio Settecanal, Tramutone, la Mannara, Giango, i fratelli Sgomberati, Bingo Caccola e Tamara Colibrì, Maria Sandokan, Adelmo il Cupo, Checca e Caco.

venerdì 6 novembre 2009

Lo so... o mio unico lettore che è tanto che non scrivo ma questa settimana sono stato super iper mega impegnato tra lavoro (tantissimo) e riunioni varie serali (asilo, incontro per il battesimo del piccolo Emanuele). Cercherò prossimamente di fare di meglio ma per ora vi auguro un...

BUON FINE SETTIMANA

lunedì 2 novembre 2009

THE DOME di Stephen King

COMMENTO: Benvenuti a Chester's Mill, benvenuti nel nuovo inferno creato dalla mente di Stephen King. Il nuovo lavoro del Re è un romanzo coi controca$$i (e scusate la volgarità) in cui King stavolta è davvero duro, cattivo, spietato. La famosa cupola è la parte meno importante perchè i veri protagonisti sono gli uomini e la loro crudeltà. King ha voluto mostrare il vero orrore che non sono mostri, alieni, vampiri o altro, ma il vero orrore è l'uomo stesso e la sua brama di potere. Mille e passa pagine con l'acceleratore sempre a tavoletta dove tante "formichine" lottano per sopravvivere e dove non te ne frega assolutamente nulla di capire cos'è la cupola (tra l'altro la spiegazione della cupola è la parte più deludente) ma vuoi sapere come ne usciranno i personaggi ma sopratutto King tira fuori anche il peggior lato del suo Fedele Lettore perchè chi legge vuole "vedere morire" certi personaggi odiosi e li vorrebbe vedere morire nel peggiore dei modi! In sostanza è un romanzo davvero cattivo e forse il titolo che King aveva pensato originalmente (The Cannibals) sarebbe stato ancora più appropriato. Un romanzo politico, epico, duro, ma anche pieno di tanti personaggi meravigliosi (e molti altri splendidi nel loro essere odiosi), un romanzo che toglie il fiato. Insomma un King davvero in forma splendida!

TRAMA: È una tiepida mattina d'autunno nella cittadina di Chester's Mill nel Maine. C'è chi prende lezioni di volo, chi lavora nell'orto, c'è chi sta chiedendo un passaggio in auto, c'è anche una marmotta alla ricerca di qualcosa da mettere sotto i denti. All'improvviso, silenzioso e invisibile, un cilindro trasparente cala sulla cittadina. Chi è all'interno è isolato dal resto del mondo, chi non lo vede ci va a sbattere contro, chi si trova sul perimetro del cilindro viene tranciato in due. Da dove viene? Di che cosa è fatto? Opera degli umani o esperimento di un'intelligenza superiore? Poco importa, dato che chi è rimasto intrappolato all'interno deve far fronte a quella angosciosa situazione con le sue sole forze. Alla barriera invisibile se ne aggiunge presto un'altra, quella che divide gli onesti dai malvagi, questi ultimi non del tutto contrari a un isolamento che fa gioco, se si ha molto da nascondere. Un ex marine contrario alla violenza, un concessionario di auto usate in odore di criminalità, una giornalista che non si fa mettere sotto, un ausiliario delle forze dell'ordine paranoico, uno skateboarder di quindici anni senza paura, un predicatore più fondamentalista di Bin Laden sono solo alcuni dei personaggi impegnati, chi a fin di bene, chi no, a trovare una via di uscita prima che l'isolamento diventi letale. Dopo molto tempo, e dopo molte vittime, si prospetterà un ultimo, disperato, estremo, tentativo di soluzione. Che potrebbe anche non funzionare...

venerdì 30 ottobre 2009

"Chi siete? Cosa portate? Sì ma quanti siete? Un fiorino!" A parte la mia pazzia... dov'eravamo rimasti e cosa sta succedendo? Bah, poca roba... continuo la lettura dell'ottimissimo The Dome (sono circa a pagina 700 e scorre che è una bellezza). Finito quello ho un po' di nuovo materiale da leggere (Brown, Benni, Welsh) e poi il 4 di novembre esce anche il nuovo di Baricco... yum! Di altro nulla da segnalare... Ricordo a tutti che domenica c'è l'ultimo GP di questa orrenda stagione di Formula 1 che sarà anche l'ultima gara di Kimi in rosso... Vabbè... raga a tuuti il solito...

BUON FINE SETTTIMANA

martedì 27 ottobre 2009

Ciao Kimi, e grazie di tutto!

Domenica ad Abu Dhabi Kimi Raikkonen disputerà l'ultima gara con la Ferrari. Sono stati 3 anni tra alti e bassi ma dobbiamo ricordarci che con la rossa ha vinto un titolo piloti e ne ha fatti portare a casa due come costruttori. Quindi... GRAZIE KIMI!

"...e' giunto il momento di salutarci con i ragazzi della Ferrari dopo tre anni trascorsi insieme. Con orgoglio penso ai risultati ottenuti, in particolare al titolo Piloti del 2007 e a quelli Costruttori dello stesso anno e del 2008. In questa stagione la macchina non era cosi' competitiva come avremmo voluto ma siamo comunque riusciti a vincere al meno una corsa e a fare un discreto bottino di punti. Speriamo di chiudere in bellezza con qualcosa di bello in piu' da ricordare!"
Kimi Raikkonen

lunedì 26 ottobre 2009

Pierluigi Bersani è il nuovo segretario del PD. Io ho votato per Franceschini ma ora che il nome è stato scelto è ora di essere TUTTI UNITI, lasciando perdere polemiche interne inutili ed improduttive perchè è ora di lavorare insieme per porre fine all'era del Berlusconismo che ha rotto i cog***ni!

Gallina vecchia fa buon brodo!

E sono 9! Valentino si è laureato per la 9° volta Campione del Mondo di motociclismo. Ormai le parole per descrivere questo ragazzo di 30 anni (proprio gallina vecchia non sembra) sono finite da un pezzo. E allora concediamoci la sua allegria, la sua voglia di vincere, la sua classe, senza dire una parola, magari rimanendo estasiati di fronte alle sue mille prodezze. E adesso che anche questo titolo è in saccoccia, Vale lavorerà per portare il nomero a 10, cercando ancora di sconfiggere, lui la gallina vecchia, i nuovi pulcini che avanzano (Stoner, Lorenzo) che tanta voglia hanno di sedersi sul trono del "vecchio".

Complimenti, gallina vecchia, non sei ancora pronto per il brodo...

venerdì 23 ottobre 2009

Eccoci al fine settimana... non so come sarà visto che il figlio "grande" di casa ha la febbre e il raffreddore... si aspettano notti piuttosto movimentate e giornate "casalinghe" a giocare alla tombola degli animali, a fare dei puzzle, a giocare con le macchinine e a guardare i soliti cartoni... vabbè, almeno spero di riuscire a leggere un po' di The Dome (visto che per ora la lettura procede piuttosto lentamente).

Jean Todt nuovo presidente FIA

Com'era prevedibile Jean Todt è stato eletto oggi come nuovo presidente della FIA. Ha sconfitto Ari Vatanen ottenenedo 135 voti contro i 49 del rallysta finlandese e le 12 schede nulle. Todt è chiamato a far dimenticare gli ultimi disastrosi anni della presidenza Mosley.
E' stata una buona scelta? Secondo il mio modestissimo parere NO! Non perchè Todt non sia una persona all'altezza ma perchè Vatanen sarebbe stato un cambio netto e sopratutto senza alcun interesse nella F1. Con Todt le speculazioni saranno molto alte visto i precedenti in Ferrari.
Io per ora gli auguro buon lavoro, confidando nella sua professionalità!

giovedì 22 ottobre 2009

Ad aprile il nuovo di Morozzi!

Direttamente dal blog di Gianluca ecco quello che scrive a proposito del nuovo romanzo:

"Finito. Oggi la seconda versione del nuovo romanzo, quella definitiva (la prima l'avevo finita una settimana fa), ha preso la via della mia agente e domani prenderà la via di Guanda. Si intitola Cicatrici, dopo aver avuto titoli imbarazzanti come L'amore uccide e L'assassino dagli occhi celesti, titoli belli ma un po' sentiti come L'urlo, titoli boh come Fiorito all'inferno...
E' piuttosto lugubre, duro e, diciamo, noir, ma in modo decisamente mio... comincia con una psichiatra che entra in carcere per scoprire se un mite tipografo che ha ucciso una persona a coltellate in mezzo alla folla, senza motivo, senza movente, urlando frasi sconnesse prima di consegnarsi alla polizia, è infermo di mente o no, e continua con...
...beh, ci sono circa 738 colpi di scena consecutivi negli ultimi due capitoli. Ad aprile uscirà. Io, a rileggerlo, mi sono congratulato con me stesso."

Oggi è il SEVEN day

Finalmente è giunto il 22 di ottobre. Finalmente quella cacca di Windows Vista va in pensione perchè oggi è il giorno di Microsoft Windows 7. Atteso da tanto (troppo) tempo, ma da oggi si potrà comprare un sistema operativo degno di questo nome. Dopo il fallimento di Vista abbiamo un degno successore di XP (Vista era una beta!), pronto a combattere e (almeno per quello che ho potuto sperimentare) e vincere sul MacOS. Io ho provato la RC e devo dire che mi ha soddisfatto alla grande: veloce, stabile, affidabile, bello... cosa volere di più!

martedì 20 ottobre 2009

OGGI E' IL THE DOME DAY

OGGI E' USCITO IN ANTEPRIMA MONDIALE
THE DOME
IL NUOVO ROMANZO DI STEPHEN KING.

Grazie alla mia dolce sorellina è già tra le mie manine sudate e stasera mi sa tanto che abbandonerò il nuovo libro di Benni per immergermi nel nuovo incubo partorito dal re!

lunedì 19 ottobre 2009

GLI OCCHI DEL BUIO di Cody McFadyen

COMMENTO: Partiamo con il fatto che McFadyen scrive davvero molto bene. Il libro scorre che è una meraviglia, ti aggrappa alle pagine e si fa fatica a staccarsi. Poi crea personaggi davvero buoni, pieni di vita, appassionanti e carismatici. La storia è decisamente buona, intrigante e senza respiro. Passimao ora ai piccoli difetti: l'inizio è un po' fiacco. McFadyen per riprendere un po' le fila torna a raccontare molti episodi già sentiti nel primo libro. So che doveva farlo ma allunga forse un po' troppo la cosa e per chi aveva già letto il primo libro sa un po' di minestra riscaldata... fortunatamente però dopo si riscatta alla grande regalandoci un thriller degno di questo nome!

TRAMA: Smoky Barrett conosce bene la morte. L'ha vista in faccia molte, troppe volte. E il suo lavoro, all'FBI, dove dà la caccia ai serial killer più spietati. Studia il loro modo di ragionare, li insegue, li stana. Non ha paura di scavare nell'oscurità, neppure dopo che quella stessa oscurità ha inghiottito anche lei, rubandole il marito e la figlia, brutalmente uccisi da uno psicopatico. Anche Sarah conosce bene la morte. Ha solo sedici anni, eppure nei suoi occhi non c'è più luce. Fin dal giorno del suo sesto compleanno, quando lui, lo Straniero, è apparso per la prima volta sulla soglia di casa. Da allora quell'uomo e il suo viso nascosto dietro a un collant non l'hanno più lasciata. Lo Straniero trae il suo godimento dal dolore di Sarah e uccide tutti quelli che lei ama. Prima si è portato via la sua famiglia, poi la stessa sorte è toccata a chiunque abbia cercato di aiutarla. Morte dopo morte, finché lei è rimasta sola. Sarah ha solo una speranza per uscire da questo incubo: Smoky. Perché Smoky sa guardare nel buio. E dare un volto alla morte.

L'ERA GLACIALE 3 di Carlos Saldanha e Mike Thurmeier

COMMENTO: Il nuovo capitolo dello strano branco è a livello del secondo. Tecnicamente parlando i Blue Sky stanno progredendo (anche se lontani ancora dai film Pixar) ma la simpatia dei personaggi e della storia nascondono questa "pecca". Fortissimi i nuovi personaggi di Scrattina e Buck che forse rubano troppo spazio ai vecchi Sid, Eddie, Crash un po' sottotono in questo capitolo. Rimane davvero un buon titolo! Voto: 7 1/2

TRAMA: Mentre lo scoiattolo preistorico Scrat sta ancora cercando di afferrare la sfuggente ghianda (e incontra l'amore dietro il bel musetto di Scratte), Manny ed Ellie attendono la nascita del loro primo baby-mammuth, la tigre dai denti a sciabola Diego si domanda se non sia diventato troppo mollaccione e il bradipo Sid si mette nei guai rubando uova di dinosauro. Quando Sid scompare, il resto del gruppo decide di mettersi sulle sue tracce avventurandosi in un misterioso mondo sotterraneo dove si troverà ad affrontare non solo i dinosauri, ma anche una flora e una fauna minacciosa e sconosciuta. A tirarli fuori dall'impaccio interverrà Buck, un impavido furetto da un occhio solo.

CITAZIONE: "Regola numero 1: date sempre retta a Buck. Regola numero 2: restate al centro della pista. Regola numero 3: chi fa le puzze viaggia in fondo al branco."

DOMANI TUTTI IN LIBRERIA!

Domani in anteprima mondiale uscirà l'attesissimo THE DOME di Stephen King. Qualche fortunato milanese o romano ha avuto la fortuna di averlo tra le mani già dalla settimana scorsa... Dai primi "assaggi" che ho trovato in rete sembra decisamente buono... io non vedo l'ora di averlo tra le mani. Raga, mi raccomando, domani TUTTI IN LIBRERIA!

Button e Brawn GP campioni!

Jenson Button è il nuovo campione di Formula 1 e la Brawn GP è la scuderia campione. Onore a loro ma... ma mi chiedo se è vera gloria la loro e la mia risposta è NO! No perchè:
  1. La Brawn ha sfruttato maliziosamente un buco regolamentare che all'inizio gli ha dato un ENORME vantaggio
  2. Button ha vinto a mani basse 7 delle prime 8 gare ma poi (quando gli altri si sono messi in pari) non ha più vinto una gara.
Onore a loro ma non credo che l'anno prossimo sapranno ripetersi!

domenica 18 ottobre 2009

BOLT - UN EROE A QUATTRO ZAMPE di Byron Howard e Chris Williams

COMMENTO: La Disney sforna un film non targato Pixar e la differenza si sente. Il film non è assolutamente malvagio ma manca di quella "poesia" che contrassegna i film della Pixar. Dal punto di vista tecnico il film non offre grandi cose ma sia la storia che le situazioni sono abbastanza divertenti. Voto: 7+

TRAMA: Il cagnolino Bolt, protagonista di uno show televisivo di successo, è cresciuto tra riflettori e telecamere ed è convinto di essere dotato di superpoteri. Un giorno, Bolt viene accidentalmente allontanato dal set e, disperato, realizza che la vita reale è ben diversa dalla finzione sullo schermo. Ad aiutarlo nel suo viaggio attraverso l'America per ritrovare la strada di casa, sarà l'amicizia con Mittens, una gatta domestica abbandonata, e con Rhino, un criceto rinchiuso in una palla di plastica e ossessionato dalla TV.

CITAZIONE: "Se fisso il lucchetto con intensità, prenderà fuoco e si aprirà."

venerdì 16 ottobre 2009

Questo perido di m***a continua imperterrito... ieri sera tra mal di schiena e stanchezza non ho letto neppure una riga e questo è molto, molto, molto preoccupante.
Oggi nei cinema esce UP, il nuovo capolavoro targato Pixar e mi fa incavolare come una iena il fatto che dovrò aspettare mesi e mesi (fino all'uscita del DVD) per potermelo gustare (stesso discorso di Bastardi senza gloria).
Fortunatamente (o sfortunatamente) domenica sarà una giornata dedicata al mondo dei motori con la Formula 1 (sorvoliamo sulle speranze) e la MotoGP (qui qualche speranza in più c'è).
OK, vi ho stressato abbastanza, pertanto vi auguro un...

Buon fine settimana!

giovedì 15 ottobre 2009

Ecco svelata la copertina italiana di The Dome, in uscita martedì 20 ottobre in anteprima mondiale... Fortunatamente hanno mantenuto la copertina originale! Sarà lungo 1056 pagine e costerà € 23,90. E ora... beccatevi la trama!

È una tiepida mattina d'autunno a Chester's Mill, nel Maine, una mattina come tante altre. All'improvviso, una specie di cilindro trasparente cala sulla cittadina, tranciando in due tutto quello che si trova lungo il suo perimetro: cose, animali, persone. Come se dal cielo fosse scesa la lama di una ghigliottina invisibile. Gli aerei si schiantano contro la misteriosa, impenetrabile lastra di vetro ed esplodono in mille pezzi, l'intera area - con i suoi duemila abitanti - resta intrappolata all'interno, isolata dal resto del mondo. L'ex marine Dale Barbara, soprannominato Barbie, fa parte dell'intrepido gruppo di cittadini che vuole trovare una via di scampo prima che quella cosa che hanno chiamato la Cupola faccia fare a tutti loro una morte orribile. Al suo fianco, la proprietaria del giornale locale, un paramedico, una consigliera comunale e tre ragazzi coraggiosi. Nessuno all'esterno può aiutarli, la barriera è inaccessibile. Ma un'altra separazione, altrettanto invisibile e letale, si insinua come un gas velenoso nel microcosmo che la Cupola ha isolato: quella fra gli onesti e i malvagi. Tra i quali spiccano Big Jim Rennie, un politico che non si ferma davanti a niente - nemmeno l'omicidio - pur di tenere in mano le redini del potere, e suo figlio, che cova in sé un terribile segreto. Ma tutti loro, buoni e cattivi, dovranno fare i conti con la Cupola stessa, un incubo da cui sembra impossibile salvarsi. Ormai il tempo rimasto è poco, anzi sta proprio finendo, come l'aria... Visionario, emblematico, allegorico e con alcuni tra i personaggi più sinistri che Stephen King abbia mai creato, The Dome è epica allo stato puro.

Dove sono finito, direte o voi miei 2 lettori? Sono finito nel caos totale. Qui tra internet traballante e posta da recuperare, cambio di gestionale aziendale e altre amenità il tempo per scrivere sul blog è azzerato. Ma cerchiamo di riassumere gli ultimi noiosi avvenimenti: ieri la mia dolce mogliettina è andata a comprarmi un paio di libri (Crime di Welsh e Gli occhi del buio di McFadyen... e mi ero dimenticato che è uscito il nuovo di Benni!!!!) e ieri sera ho prontamente abbandonato la rilettura di Terra! (che avevo iniziato perchè non avevo più nulla da leggere) e ho iniziato il libro di McFadyen. Sul fronte cinema sono proprio a terra! Non riesco più a vedere neppure un filmettino... e pensare che al cine c'è Bastardi senza gloria e questa settimana esce UP, il nuovo capolavoro firmato Pixar.... sigh! Ma fortunatamente a risollevarmi il morale c'è che MARTEDI' 20 uscirà THE DOME il nuovo malloppone firmato King e venerdì esce anche Il simbolo perduto di Dan Brown... mi sa tanto che la settimana prossima sarà una festa! Vabbè vi ho annoiato abbastanza...

lunedì 12 ottobre 2009

QUELLO ERA L'ANNO di Dennis Lehane

COMMENTO: Ho sempre adorato Dennis Lehane, un poco prolifico autore ma capace di azzeccare ogni libro. Lehane ha iniato con i thriller, prima con la bellissima serie di Kenzie/Gennaro, poi con il magnifico L'isola della paura per poi regalarci il suo capolavoro La morte non dimentica (meglio conosciuto come Mystic River). Ora Lehane torna a noi lasciando il thriller per ragalarci una immensa storia. Lehane ci porta nella Boston di inizio secolo, nei giorni della febbre spagnola, dei tumulti politici della polizia, degli scioperi, della povertà e di quel personaggio sportivo chiamato Babe Ruth. Lehane stavolta ci parla di uomini. C'è il nero in fuga da un crimine commesso che lascia moglie incinta per fuggire a Boston "braccato" dalla mala. C'è Danny, giovane poliziotto bianco, figlio di un capo di polizia che deve fare i conti con la sua vita "per bene" ma si scontrerà con se stesso diventando capo di quella rivolta di poliziotti che sfocerà nello sciopero. E c'è un Babe Ruth non ancora stella assoluta e ancora in forza ai Boston Red Sox. Un Babe che anche lui fa i conti con se stesso, con il suo essere campione ma che si guarda in giro e si sente un privilegiato. E poi ci sono tante altre storie e tanti altri personaggi in questo meraviglioso libro di persone vere, combattute ma che vivono e scoprono in se stessi ideali per cui combattere. Lehane ci regala l'ennesimo grande libro, l'ennesima stella da appuntargli sul petto perchè Lehane è UN GRANDE!

TRAMA: Luther Laurence è nero ed è in fuga dall'Oklahoma, cuore dell'America razzista, perché ha ucciso un uomo in un regolamento di conti. Danny Coughlin è bianco, di origini irlandesi, e lavora come agente alla polizia di Boston. Ed è lì che si incontrano, nella città che, nel 1918, al termine della prima guerra mondiale, un crocevia di idee e nazionalità diverse. Anarchici italiani, rivoluzionari russi, immigranti a caccia di lavoro, mafiosi della nascente Cosa Nostra americana e gangster in lotta per la supremazia nel crimine organizzato. Un contesto carico di fermenti, che esploderanno in una serie di attentati e nel primo sciopero nazionale delle forze di polizia. L'insolita amicizia fra i due, avversata dalla famiglia e da molti dei colleghi del padre di Danny, capitano di polizia molto stimato a Boston, sarà la forza che riuscirà a salvare entrambi dall'incombere degli eventi. Sullo sfondo, il grande baseball americano, l'infuriare della pandemia di influenza spagnola, l'avvento del proibizionismo e un cast di personaggi indimenticabili: la giovane irlandese di cui Danny è perdutamente innamorato, la famiglia nera pronta a tutto per difendere la vita di Luther, il poliziotto cattivo e privo di scrupoli deciso a incastrarlo.